World Naval Ships Forums  
VIEW ALL OF OUR CURRENT SPECIAL OFFERS HERE!

Go Back   World Naval Ships Forums > Naval History > Italian Ships and Crews
Register FAQ Members List Calendar Search Today's Posts Mark Forums Read

Italian Ships and Crews Topics relating to a specific Italian ship or ships.

Reply
 
Thread Tools Display Modes
  #26  
Old 04-06-2010, 00:51
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

OK Pedro.

Muzio Attendolo (cruiser)
From Wikipedia, the free encyclopedia.
Muzio Attendolo
The light cruiser Muzio Attendolo
General description
Type light cruiser
Raimondo Montecuccoli Condottieri Class type


CRDA Constructors
Shipyard Trieste


By 10 April 1931
Launching on September 9, 1934

Entry into service on August 7, 1935

Radiation 18 October 1946
Final fate sunk 4 December 1942
General characteristics
Displacement Switch 8814 t (standard)
8890 tons (full load) t


Length 182,2 m
16.6 m Width


Draught 6 m



Propulsion 6 boilers, 3 turbines, 3 propellers
106,000 CV
Speed 37 knots (68,5 km/h)
Autonomy 4411 mn at 18 knots (8169 km 33 km/h)
1295 t naphtha



Crew 27 officers
551 lieutenants and municipalities

Equipment


Armament guns: • 8 pieces from 152/53 mm OTO model 1929 (4 installations embellished) • 6 pieces from 100/47 m OTO model 1927 (3 installations embellished) • 8 gunner from 37/54 mm (4 installations embellished) • 8 gunner from 13.2 mm torpedoes:
• 4 533 mm torpedo tubes tubes in two complex binary brandeggiabili Armouring 30 mm (horizontal), 60 mm (vertical), 70 mm (artillery), 100 mm (Tower)
Aircraft 2 aircraft
catapults brandeggiabili situated amidships



The Muzio Attendolo was a light cruiser Italian Condottieri class type Raimondo Montecuccoli. He was named in honor of 15th century condottiero Muzio Attendolo said Sforza.
In 1931 Was set on construction sites Gathered the Adriatic of Trieste, launched in 1934 and entered service in 1935; was sunk on 4 December 1942.
Index
[Hide]
• 1 military Activities or 1.1 on the day of Saint Barbara • 2 Bibliography • 3 external links-fighting Activities [edit]
During World War II he took part in the battle of Punta Stilo of 9 July 1940 and took part in the Commons the convoy m. 42 that culminated in the first battle of Sirte of 17 December 1941. In the following summer he took part in the battles of middle June (12-16 June 1942) and half of August (10-15 August 1942), during which the 13 August was hit by a torpedo from the British submarine Unbroken losing the bow, but succeeding however to return to the port of Messina and reach later Naples for repair work.
The day of Saint Barbara [edit]
While he was in the partenopean city on 4 December 1942, day of Santa Barbara, there was a by B-24 American parties from Egypt who arrived unopposed on city as traded for a formation of Ju 52 Germans, reopened their bombs from over 6,000 meters of altitude, in an attempt to hit battleships in port.
The bombs they missed the main target, but were affected other military vessels present.
The Eugene of Savoy had 17 dead and 46 injured and damage to the rear of the hull repairable in 40 days. The Montecuccoli was bombed amidships yourself a funnel which was demolished, leaving a crater in its place, but the protection of armour succeeded in saving the ship that had 44 deaths and 36 wounded and had seven months of work.
The Muzio Attendolo was struck at the heart of the one or two bombs and was damaged below the waterline, while several fire erupted in the back of the ship. When the fires were extinguished the ship had not yet been mesa rescued, but an alarm for a new air strike, which was then fake, relief operations that when it resumed was too late, as the ship was inclined sinking. In the end between the crew has 188 dead and 46 injured. Even among the crew of battleship Littorio there was one dead, while between 150 and 250 victims were among the civilian population.
For the Muzio Attendolo estimate recovery and repair work was ten months to one year, but the hull was salvaged and scrapped after the war.
During the war had made 25 missions of war covering 29235 miles.
Bibliography [edit]
• M. j. Whitley, Cruisers of world war Two: an international Encyclopedia, London, arms and armour press, 1995. ISBN 9781854092250 • de Toro, Augustus (December 1996). Naples, Santabarbara 1942. Military history (39). ISSN 1122-'s 5,289.
• The Montecuccoli Class light cruisers. URL along with the 6-12-2007.
• The Navy light cruisers. URL along with the 6-12-2007.
• Italian and Italian Navy through history. URL along with the 6-12-2007.
External links [edit]
• Factsheet on the site of the RN-historical archive Condottieri light Cruisers type Raimondo Montecuccoli class
Raimondo Montecuccoli | Muzio Attendolo
Regia Marina
Attached Images
File Type: jpg RN MUZIO ATTENDOLO-1935-1942TCC.jpg (494.8 KB, 71 views)
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #27  
Old 04-06-2010, 11:01
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Very much thanks for your work,it is excellent and wonderful.Terry yestarday I found the history of the one Italian submarine named "Ferraris" but this history is written in Italian,and I put a posting,Terry if you can traslate to English the "Ferraris ´s history please.

Terry one great salute,yours:

Pedro
Reply With Quote
  #28  
Old 05-06-2010, 11:01
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Very much thanks for your help and your excellent and fine work in the traslation to English language this part few known history of the warsea during the Second Word War in refer the Italians light cruisers.

Terry here goes other cruiser!,this is the light cruiser "Bartolomeo Colleoni" in this ocassion I heve put two histories about this document.Good dear friend Terry let´s go!.One salute from Spain:

Pedro



"BARTOLOMEO COLLEONI"
Incrociatore leggero Classe "Condottieri" - Tipo "Di Giussano"
N° 4 Unità (Alberto di Giussano - Alberico da Barbiano - Bartolomeo Colleoni - Giovanni delle Bande Nere)
GENERALITA'
Nel 1926, la Marina Italiana, per fronteggiare il nuovo indirizzo di costruzioni impostato dalla Marina Francese (consistente nella realizzazione di grossi cacciatorpediniere veloci e potentemente armati), studiò un nuovo tipo di unità con armamento e velocità superiore a quello dei normali cacciatorpediniere ma sacrificando in modo pressoché totale la protezione.
Queste unità di nuova concezione, realizzate in una prima serie di quattro navi, vennero classificate Incrociatori leggeri.
Lo scafo di queste unità presentava forme abbastanza slanciate, con prora poco pronunciata e poppa arcuata. Oltre ai due ponti continui di coperta e di primo corridoio, presentavano un ponte parziale di secondo corridoio. Inferiormente a quest'ultimo, un copertino stagno parziale; un castello a prua, una tuga centrale in proseguimento del castello ed una tuga poppiera.
Le navi avevano due fumaiuoli a sezione ovale ed erano fornite di un albero tetrapode contornato dal ponte di comando, a proravia del fumaiuolo prodiero, e di un albero a poppavia dell'altro fumaiuolo. A ridosso dell'albero di poppa era sistemata la stazione secondaria di tiro e lancio.
Sotto il ponte di comando era sistemato un hangar capace di ospitare due idrovolanti ad ali ripiegabili, lanciabili da una catapulta prodiera non brandeggiabile, fissata in coperta sull'asse longitudinale dell'unità.
Queste unità erano provviste di un solo timone poppiero parzialmente compensato con agugliotto di guida a metà altezza e fissato allo scafo.
I quattro "di Giussano" risultarono unità molto leggere e vulnerabili. La loro protezione era stata studiata tenendo conto del tipo di munizionamento in uso presso le varie Marine del tempo su unità similari e non prevedendo l'impiego in combattimento contro incrociatori più protetti e meglio armati. Anche la capacità di reazione balistica dei "di Giussano" poteva essere dannosamente influenzata con mare agitato.
Alla prova dei fatti (Battaglia di Capo Spada) rivelarono la loro fragilità contro l'incrociatore Sydney e contro gli stessi caccia inglesi armati con 120 mm.

CARATTERISTICHE
Costruzione: Cantieri Ansaldo GENOVA
Impostato: 21 giugno 1928
Varato: 21 dicembre 1930
Completato: 10 febbraio 1932
Affondato: 19 luglio 1940
Radiato: 18 ottobre 1946
Lunghezza: fuori tutto 169,3 m ; fra le perpendicolari 160 m
Larghezza: 15,5 m
Immersione: 5,1 m (carico normale) 5,3 m (a pieno carico)
Dislocamento: 5252 t. (standard) 6571 t. (car.norm) 6954 t. (pieno car.)
Appar. Motore: 6 caldaie a tubi d'acqua tipo Yarrow - Ansaldo con surriscaldatori e 2 gruppi di turbine Belluzzo con riduttori ad ingranaggi;
due eliche a tre pale in bronzo, tipo Scaglia, del diametro di m. 4,40
Potenza: 95.000 hp
Velocità: 36,5 - 37 nodi
Combustibile: 1150 t. nafta (carico normale) e 1250 (a pieno carico)
Autonomia: 970 miglia a 36 nodi; 3800 a 18 nodi
Protezione: Orizzontale: max 20 mm; verticale max 24 mm.
Artiglierie: (torri calibro principale) 23 mm.
Scudi medi calibri 8 mm
Torrione: max 40 mm.
Armamento: 8 cannoni da 152/53 mm (in 4 torri);
6 cannoni da 100/47 mm (in 6 complessi binati);
8 mitragliere c.a. da 37/54 mm;
8 mitragliere c.a. da 13,2 mm;
4 tubi lanciasiluri da 533 mm (in 2 complessi binati);
una catapulta prodiera tipo "Magaldi" e due aerei idrovolanti (inizialmente Cant 25 AR e, dopo il 1937, IMAM Ro 43);
attrezzature per la posa di campi minati;
Equipaggio: 19 ufficiali + 488 sottufficiali e marinai

ATTIVITA'
Preso in consegna dalla Marina il 10 febbraio 1932, l'incrociatore Bartolomeo Colleoni partecipò alla normale attività della Flotta, sino al novembre 1938, data in cui lasciò l'Italia essendo destinato a sostituire l'incrociatore Raimondo Montecuccoli nel servizio di stazionario in Estremo Oriente.
Partito dalla Spezia il 16 novembre 1938, il Colleoni raggiunse Shanghai il 23 dicembre successivo dopo aver sostato a Napoli, Port Said, Suez, Massaua, Colombo ed Hong Kong. Durante la sua permanenza in Estremo Oriente visitò Tsingtao, Chefoo, Chingwantao, Dairen, Kobe, Yokohama, Nagasaki, Wei-Hai-Wei, Petaiho.
Apertosi il 1° settembre 1939, con l'attacco della Germania alla Polonia, il secondo conflitto mondiale, il Colleoni ricevette ordine di rimpatriare mentre in data 1° ottobre 1939 il Comando Superiore Navale in Estremo Oriente si trasferiva dal Colleoni sulla nave Lepanto. Lo stesso 1° ottobre l'incrociatore lasciò Shanghai, e dopo aver toccato Singapore, Colombo e Massaua, giunse a Gaeta il 28 ottobre.
Al rientro dall'Estremo Oriente il Colleoni (Capitano di Vascello Catalano Gonzaga di Cirella) fu assegnato alla Seconda Squadra costituendo la Seconda Divisione (Ammiraglio di Divisione Carlo Cattaneo) insieme col Bande Nere.
Nel corso della sua breve attività bellica (10 giugno - 19 luglio 1940) il Colleoni effettuò 6 missioni di guerra: 3 per ricerca di navi nemiche; 2 per protezione di convogli, 1 per posa di mine.
Percorse in navigazione di guerra 3.515 miglia per un totale di 166 ore di moto, consumando 2.600 tonnellate di nafta.
La prima uscita in mare dell'incrociatore avvenne il giorno stesso della dichiarazione di guerra dell'Italia per proteggere un'operazione di posa di mine nel Canale di Sicilia. Dal 2 al 4 luglio il Colleoni partecipò alla scorta indiretta di un convoglio (piroscafo Esperia e motonave Victoria) partito da Tripoli per Napoli.
Fra il 6 e l'8 luglio, mentre l'intera Squadra era in mare e si preannunciava imminente uno scontro con la Mediterranean Fleet (Punta Stilo), il Colleoni, insieme col Bande Nere, con la Decima Squadriglia Cacciatorpediniere e con la Quarta Torpediniere, assicurò la scorta ad un convoglio formato dai piroscafi Esperia, Marco Foscarini, Vettor Pisani e Calitea, diretto da Napoli a Bengasi.
Condotta a termine la missione la Seconda Divisione fu dislocata a Tripoli. Dopodichè, Supermarina decise che gli incrociatori si trasferissero alla base di Lero, nel Dodecaneso, dopo aver eseguito il bombardamento di Sollum. La sera del 17 luglio la Seconda Divisione (Ammiraglio di Divisione Ferdinando Casardi) lasciò Tripoli, dopo aver ricevuto l'ordine di dirigere direttamente per l'Egeo senza effettuare la prevista azione di fuoco contro Sollum.
Nella mattinata del 19, mentre il Colleoni (Capitano di Vascello Umberto Novaro) ed il Bande Nere si trovavano a poco più di sei miglia da Capo Spada (isola di Creta), vennero intercettati da una formazione navale britannica costituita dall'incrociatore Sydney e da cinque cacciatorpediniere. Ne scaturì un violento combattimento nel corso del quale il Colleoni venne ripetutamente centrato dal tiro nemico.
Colpito gravemente nell'opera viva e con incendio a bordo, l'incrociatore rimase immobilizzato alla mercé del nemico. Venne finito dai siluri dei cacciatorpediniere Hyperion ed Ilex. Scomparve alle ore 09.00, a circa 6,4 miglia da Capo Spada.
Il Comandante C.V. Umberto Novaro fu raccolto in mare gravemente ferito. Morì il 23 luglio ad Alessandria d'Egitto e fu seppellito dagli Inglesi con gli onori militari e solenni onoranze funebri. Le sue spoglie riposano nel Cimitero Militare Italiano di El Alamein. Alla Memoria del Comandante Novaro fu decretata la Medaglia d'Oro al Valor Militare.


Now the small history from Italian Wikipedia of the Italian light cruiser “Bartolomeo Colleoni”.

La Bartolomeo Colleoni fu un incrociatore leggero, della classe Alberto da Giussano della Regia Marina, battezzato in onore del capitano di ventura del XIV secolo Bartolomeo Colleoni.
La Bartolomeo Colleoni servì nel mar Mediterraneo fino al novembre 1938 quando venne inviata a rilevare la Raimondo Montecuccoli nell'estremo oriente. Arrivò al largo di Shanghai il 23 dicembre 1938 e vi rimase fino allo scoppio della guerra tra il Regno Unito e la Germania. Il 1 ottobre 1939 dopo aver ceduto il comando alla corvetta Lepanto, ritornò in Italia, arrivando il 28 ottobre.
La Bartolomeo Colleoni formò la 2ª Divisione Incrociatori del 2º Squadrone, insieme con la Giovanni dalle Bande Nere. La sua prima missione, il 10 giugno 1940, fu una sortita per deporre mine nel canale di Sicilia, seguita in luglio da compiti di scorta per i convogli truppe tra Napoli e Bengasi.


Bartolomeo Colleoni mentre affonda
Il 18 luglio salpò da Tripoli accompagnata dal Giovanni dalle Bande Nere diretta a Leros nel mar Egeo, dove l'attività britannica nelle acque greche stava causando preoccupazioni. Nelle prime ore del 19 luglio, essendo stati avvistati da aerei della RAF il giorno prima, vennero intercettato dall'incrociatore australiano HMAS Sydney e da cinque cacciatorpediniere, mentre si trovava al largo di Capo Spada (Creta). Nella successiva battaglia di Capo Spada venne colpita nella sala macchine e rimase immobilizzata, diventando un facile bersaglio per i siluri delle cacciatorpediniere.
Affondò portando con sé 121 marinai. La Royal Navy rese pieni onori militari al suo comandante Umberto Novaro.
Descrizione generale

Tipo incrociatore leggero

Classe Condottieri tipo Alberto di Giussano




Costruttori Ansaldo
Cantiere Genova





Impostazione 21 giugno 1928

Varo 21 dicembre 1930



Entrata in servizio 1931





Destino finale affondato, 19 luglio 1940

Caratteristiche generali
Dislocamento
6 570 t (standard); 6 954 t (pieno carico) t




Lunghezza 169,3 m

Larghezza 15,5 m




Pescaggio 5,3 m






Propulsione 6 caldaie, 2 turbine, 2 eliche
95.000 CV

Velocità 37 nodi (42 durante le prove km/h)

Autonomia 3 800 mn a 18 nodi (7 037 km a 33 km/h)





Equipaggio 507, di cui 19 ufficiali


Equipaggiamento




Armamento artiglieria:
• 8 pezzi da 152/53 mm modello Ansaldo 1926 (4 installazioni binate)
• 6 pezzi da 100/47 mm modello OTO 1926 (3 installazioni binate)
• 8 mitragliere da 37/54 mm (4 installazioni binate)
• 8 mitragliere da 13,2/75,7 MG modello 1931 (4 installazioni binate)
siluri:
• 4 tubi lanciasiluri da 533 mm
Nel 1938/39 i pezzi da 37/54 furono sostituiti con pezzi da 20/65 e furono imbarcate due lanciabombe antisommergibile
Corazzatura orizzontale: 20 mm; verticale: 24 mm; artiglierie: 23 mm; torrione: 40 mm
Mezzi aerei 2 aerei IMAM Ro.43
catapulte fisse a prua







La Bartolomeo Colleoni fu un incrociatore leggero, della classe Alberto da Giussano della Regia Marina, battezzato in onore del capitano di ventura del XIV secolo Bartolomeo Colleoni.
La Bartolomeo Colleoni servì nel mar Mediterraneo fino al novembre 1938 quando venne inviata a rilevare la Raimondo Montecuccoli nell'estremo oriente. Arrivò al largo di Shanghai il 23 dicembre 1938 e vi rimase fino allo scoppio della guerra tra il Regno Unito e la Germania. Il 1 ottobre 1939 dopo aver ceduto il comando alla corvetta Lepanto, ritornò in Italia, arrivando il 28 ottobre.
La Bartolomeo Colleoni formò la 2ª Divisione Incrociatori del 2º Squadrone, insieme con la Giovanni dalle Bande Nere. La sua prima missione, il 10 giugno 1940, fu una sortita per deporre mine nel canale di Sicilia, seguita in luglio da compiti di scorta per i convogli truppe tra Napoli e Bengasi.


Bartolomeo Colleoni mentre affonda
Il 18 luglio salpò da Tripoli accompagnata dal Giovanni dalle Bande Nere diretta a Leros nel mar Egeo, dove l'attività britannica nelle acque greche stava causando preoccupazioni. Nelle prime ore del 19 luglio, essendo stati avvistati da aerei della RAF il giorno prima, vennero intercettato dall'incrociatore australiano HMAS Sydney e da cinque cacciatorpediniere, mentre si trovava al largo di Capo Spada (Creta). Nella successiva battaglia di Capo Spada venne colpita nella sala macchine e rimase immobilizzata, diventando un facile bersaglio per i siluri delle cacciatorpediniere.
Affondò portando con sé 121 marinai. La Royal Navy rese pieni onori militari al suo comandante Umberto Novaro.
Reply With Quote
  #29  
Old 05-06-2010, 15:17
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

OK Pedro - again I will do my best for you.

"Bartolomeo Colleoni"
"Condottieri Class light cruiser"-Type "Giussano ' no. 4 units (Alberto di Giussano-Alberico da barbiano-Bartolomeo Colleoni-Giovanni delle Bande NERE)
Desciption
In 1926, the Italian Navy, to face the new address of buildings set by the French Navy (consisting in the realization of large destroyer fast and powerfully armed), studied a new type of unit with armament and speed exceeding normal destroyer but sacrificing so almost total security.
These units, made a first set of four ships, light Cruisers were classified.
The hull of these units had fairly slender shapes, with bow and Stern just pronounced curved. In addition to two ongoing covered bridges and first corridor, had a partial second Corridor bridge. Involves the latter, a partial copertino pond; a castle at the bow, a deckhouse central in continuation of the Castle and a deck aft end.
The ships had two fumaiuoli oval section and were equipped with a tree tetrapod surrounded by bridge fumaiuolo, forward of the bow, and a tree aft of the other fumaiuolo. Close to the aft tree now fixed the secondary station of shooting and launch.
Below deck was placed a hangar capable of hosting two floatplane for folding wings, lanciabili by a catapult fore not brandeggiabile attached blanket on the longitudinal axis of the unit.
These units were equipped with an aft rudder only partially offset with agugliotto driving half way and fixed to the hull.
The four "of Giussano" were very light units and vulnerable. Their protection was designed taking into account the type of ammunition used by the various Marine of the time on similar units and not providing for the use in combat against cruisers more secure and better armed. Also the ballistic response capacity of "Giussano" could be detrimentally affected with rough sea.
Facts (battle of Cape Spada) revealed their fragility against the Cruiser Sydney and against the same hunting British armed with 120 mm.
FEATURES
Construction: Ansaldo Shipyards in Genoa
Set: 21 June 1928
Launched: 21 December 1930
Completed: 10 February 1932
Sunk: 19 July 1940
Deleted: 18 October 1946
Overall Length: 169,3 m; between perpendiculars 160 m
Width: 15.5 m dive: 5.1 m (normal load) 5.3 m (full load)
Displacement: 5252 t. (standard) 6571 t. (car NORMINV) 6954 t. (full car.)
Machine. Engine: 6 water tube boilers type Yarrow-Ansaldo with thermoregulators-electric and electronic and 2 groups of turbines Belluzzo with helical gears;
two three-bladed propellers in bronze, type Scaglia, diameter of 4.40 m.
Power: 95,000 hp Speed: 36.5-37 knots fuel: 1150 t. naphtha (normal load) and 1250 (full load)
Autonomy: 970 miles 36 knots; 3800 at 18 knots
Security: horizontal: max 20 mm; vertical Max 24 mm.
Artillery: (main towers) 23 mm calibre.
Shields medium calibers 8 mm
Dungeon: max 40 mm.
Armament: 8 cannons from 152/53 mm (4 towers);
6 guns from 100/47 mm (6 complex binary);
8 gunner c.a. from 37/54 mm;
8 gunner AC 13.2 mm;
4 533 mm torpedo tubes tubes (2 complex binary);
a catapult bow visor type "Magaldi" and two aircraft seaplanes (initially Cant 25 HR and, after 1937, Imam Ro 43);
equipment for the laying of minefields;
Crew: 19 + 488 non-commissioned officers and sailors
Activities
Taken over by the Navy on 10 February 1932, the Cruiser Bartolomeo Colleoni participated in the normal activity of the fleet, until November 1938, when he left Italy being intended to replace the Cruiser Raimondo Montecuccoli stationary service in the far East.
Party from Spezia on 16 November 1938, Colleoni reached Shanghai on 23 December after having stayed in Naples, port said, Suez, Massawa, Colombo and Hong Kong. During his stay in the far East visited Tsingtao, Chefoo, Chingwantao, Dairen, Kobe, Yokohama, Nagasaki, Wei-Wei Hai-Petaiho.
Opened on 1 September 1939, with the attack of Germany to Poland, the second world war, the Colleoni received order to repatriate while on 1st October 1939 the Superior Naval Command in the far East fled from Colleoni on ship Lepanto. The same 1 October the Cruiser left Shanghai, and after Singapore, Colombo and Massawa, came to Gaeta on 28 October.
On your return from the far East the Colleoni (Captain Catalan Gonzaga di Cirella) was assigned to the second Team constituting the second division (Admiral of Division Carlo Cattaneo) together with black bands.
During his brief wartime activities (10 June-19 July 1940) the Colleoni unclimbed 6 missions of war: 3 for searching for enemy ships; 2 to protect convoys, 1 for laying of mines.
Travelled in navigation of war 3515 miles for a total of 166 hours of motion, consuming 2,600 tons of NAFTA.
The first exit at sea Cruiser came the same day as the Declaration of war from Italy to protect a laying of mines in the channel of Sicily. From 2 to 4 July the Colleoni participated in the Commons indirectly a convoy (steamer Esperia and motorship Victoria) party from Tripoli to Naples.
Between 6 and 8 July, while the whole team was at sea and heralded imminent confrontation with the Mediterranean fleet (Punta Stilo), Colleoni, together with black bands, with the tenth Escadrille destroyers and the fourth fast torpedo boats, granted the Commons to a convoy composed of steamships Esperia, Marco Foscarini, vettor Pisani and Calitea, directed by Naples in Benghazi.
Completed mission the second division was deployed in Tripoli. Then, Supermarina decided that the cruisers moved behind Lero, in the Dodecanese, after the bombing of Salum. On the evening of 17 July the second division (Admiral of Division Ferdinando Casardi) left Tripoli, having received the order directing directly to the Aegean without making the planned action of fire against Salum.
On the morning of 19, while the Colleoni (Captain Umberto Novaro) and the black bands were located at little more than six miles from Cape Spada (Crete), were intercepted by British naval training consisting of the Cruiser Sydney and five destroyers. There a violent fight during which the Colleoni was repeatedly centered by shooting enemy.
Hit severely in the Opera alive and with fire on board, the cruiser was laid up at the mercy of the enemy. It was finished by torpedoes from the destroyers Hyperion and Ilex. He died at 09: 00, 4 miles from Cape Spada.
The captain C.V. Umberto Novaro was picked up at sea seriously injured. He died on 23 July in Alexandria of Egypt by the British and was buried with military honors and solemn undertakers. Buried in the Italian military cemetery of El Alamein. In memory of Commander Novaro was decreed the gold medal for military valour.

Now the small history from Italian free encyclopedia of the Italian light cruiser Bartolomeo Colleoni ".


The Bartolomeo Colleoni was a light cruiser, giussano class's Navy, named in honor of Captain Ventura 14th century Bartolomeo Colleoni.
The Bartolomeo Colleoni served in the Mediterranean Sea until November 1938 when he was sent to detect Raimondo Montecuccoli in the far East. Arrived off to Shanghai on 23 December 1938 and stayed there until the outbreak of war between the UK and Germany. On 1 October 1939 after ceded command to the Corvette Lepanto, he returned to Italy, arriving on 28 October.
The Bartolomeo Colleoni formed the 2nd Division Cruisers of the 2nd Squadron, along with Giovanni dalle Bande Nere. Its first mission, on 10 June 1940 was a sortie to lay mines in the channel of Sicily, followed in July by tasks Commons for troop convoys between Naples and Benghazi.

Bartolomeo Colleoni while it sinks
On 18 July sailed from Tripoli accompanied by Giovanni dalle Bande NERE directed at Leros in the Aegean Sea, where the British activities in Greek waters was causing concern. In the early hours of 19 July, having been sighted by aircraft of the RAF the day before, were intercepted by the Australian Cruiser HMAS Sydney and five destroyers, while he was off of Cape Spada (Crete). In the subsequent Battle of Cape Spada was hit in the engine room and remained motionless, becoming an easy target for torpedoes of destroyers.
Sank with 121 seamen. The Royal Navy made full military commander Umberto Novaro.
General description
Type light cruiser
Condottieri Class type Alberto di Giussano


Ansaldo Constructors
Shipyard in Genoa


Setting 21 June 1928
Launching 21 December 1930

Entry into service 1931


Final fate sunk, 19 July 1940
General characteristics
Displacement 6 570 tonnes (standard); 6 954 t (full load) t


Length 169,3 m
Width 15.5 m


Draught 5.3 m



Propulsion 6 boilers, 2 turbines, 2 propellers
95,000 CV
Speed 37 knots during the tests (42 km/h)
Autonomy 3 800 mn at 18 knots (7 037 km 33 km/h)


Crew 507, including 19 officers

Equipment


Artillery Armament: • 8 pieces from 152/53 mm model Ansaldo 1926 (4 installations embellished) • 6 pieces from 100/47 mm model OTO 1926 (3 installations embellished) • 8 gunner from 37/54 mm (4 installations embellished) • 8 gunner from 13.2/75.7 MG model 1931 (4 coupled) torpedoes installations:
• 4 533 mm torpedo tubes tubes in 1938/39 pieces from 37/54 were replaced with pieces from 20/65 and were loaded two grenade launchers antisubmarine warfare
Horizontal: 20 mm Armour; vertical: 24 mm; artillery: 23 mm; Dungeon: 40 mm
Aircraft 2 aircraft IMAM Ro. 43
fixed bow catapults



The Bartolomeo Colleoni was a light cruiser, giussano class's Navy, named in honor of Captain Ventura 14th century Bartolomeo Colleoni.
The Bartolomeo Colleoni served in the Mediterranean Sea until November 1938 when he was sent to detect Raimondo Montecuccoli in the far East. Arrived off to Shanghai on 23 December 1938 and stayed there until the outbreak of war between the UK and Germany. On 1 October 1939 after ceded command to the Corvette Lepanto, he returned to Italy, arriving on 28 October.
The Bartolomeo Colleoni formed the 2nd Division Cruisers of the 2nd Squadron, along with Giovanni dalle Bande Nere. Its first mission, on 10 June 1940 was a sortie to lay mines in the channel of Sicily, followed in July by tasks Commons for troop convoys between Naples and Benghazi.

Bartolomeo Colleoni while it sinks
On 18 July sailed from Tripoli accompanied by Giovanni dalle Bande NERE directed at Leros in the Aegean Sea, where the British activities in Greek waters was causing concern. In the early hours of 19 July, having been sighted by aircraft of the RAF the day before, were intercepted by the Australian Cruiser HMAS Sydney and five destroyers, while he was off of Cape Spada (Crete). In the subsequent Battle of Cape Spada was hit in the engine room and remained motionless, becoming an easy target for torpedoes of destroyers.
Sank with 121 seamen. The Royal Navy made full military commander Umberto Novaro.
Attached Images
File Type: jpg RN BARTOLOMEO COLLEONI-3-1932-1940MW-PREWAR.jpg (488.9 KB, 66 views)
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #30  
Old 07-06-2010, 11:23
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear friend Terry,hello!:

Very much thanks for your wonderful and excellent work.

Best regards.Your Spanish friend:
Pedro
Reply With Quote
  #31  
Old 07-06-2010, 18:42
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Here goes other history of the Italian light cruiser,in this ocassion is the history of the cruiser "Luigi Cadorna".To the final of this text is the history of the Condottieri Class light cruisers.This text is written in Italian language,newly Terry your work is necessary!.

Best regards dear friend Terry,your friend:
Pedro


INCROCIATORE LEGGERO “LUIGI CADORNA”
La Luigi Cadorna fu un incrociatore leggero della Regia Marina italiana, appartenente alla Condottieri tipo Luigi Cadorna. Venne così battezzata in onore del generale della prima guerra mondiale Luigi Cadorna. Non disponendo di una protezione sufficiente ad operare in azioni di squadra, durante la seconda guerra mondiale venne impiegato in ruoli di scorta e di protezione ai convogli italiani e tedeschi.
Nel 1940 le artiglierie da 40/39 mm vennero sostituite con 8 mitragliere da 20/65 mm. Nel 1943 anche le mitragliere da 13,2 mm furono sostituite con mitragliere da 20 mm. Nel 1944 vennero rimossi i tubi lanciasiluri. Era dotato anche di sistemazioni per paramine e posamine e di 2 lanciabombe antisommergibile
Al termine della seconda guerra mondiale venne lasciato in forza alla marina italiana, ma ormai obsoleto venne radiato nel 1951.
Incrociatore leggero “Luigi Cadorna”:
Varato nel 1931
Presenza durante il periodo bellico:

Presente all'entrata in guerra (20 giugno 1940): Sì
Presente a metà del conflitto (1 gennaio 1942): Sì
Presente all'armistizio (8 settembre 1943): Sì
Note operative: Il Cadorna e il Diaz appartenevano alla seconda ordinazione della classe Condottieri. Erano incrociatori leggeri, veloci e bene armati, ma con maggiore protezione e stabilità rispetto ai precedenti (Di Giussano e Da Barbiano, impostati sul finire degli anni venti per contrastare analoghe unità francesi). Il Cadorna entrò in servizio all’inizio degli anni trenta e svolse missioni durante la Guerra di Spagna e per le operazioni in Albania (1939). Effettuò 24 missioni di guerra prima dell’armistizio (per 15.853 miglia) più altre 18 fino al maggio 1945 (per 10.735 miglia). Partecipò allo scontro di Punta Stilo nel luglio 1940, evitando i siluri di un sommergibile e difendendosi da attacchi aerei. Nel 1941 svolse compiti di scorta convogli. Tra novembre e dicembre 1941 fu impiegato nel trasporto veloce di materiali e personale da e per l’Africa. Nel 1942 fu dislocato a Pola a disposizione delle scuole CREM per esercitazioni. In seguito effettuò trasporti truppe e posa di mine.
Causa della perdita: Consegna
- Quando: 10/09/43
- Dove: Malta
Dettagli della sorte: Il Cadorna si trovava a Taranto al momento dell'armistizio. Partì il giorno successivo per Malta dove giunse il 10 settembre.
Note dopo l'armistizio: Tra l'armistizio e il maggio del 1945 il Cadorna effettuò 18 missioni per circa 10.000 miglia. Al termine del conflitto fu lasciato alla Marina Italiana, ma non venne più impiegato in compiti operativi. Il Cadorna venne radiato nel 1951.
________________________________________
Caratteristiche della classe Cadorna:

Tipo : Incrociatore leggero

Dislocamento (tonnellate): 7100
Lunghezza (metri): 169,3
Profondità (metri): 5,5
Larghezza (metri): 15,5
Potenza (cavalli vapore): 95000
Armamento principale: 8 x 152/53
Armamento secondario: 6 x 100/47
Armi minori: 2 x 40/39
Altre armi: 8 x 13.2
Siluri : 4
Equipaggio: 507
Velocità (nodi): 36
Numero di unità della classe Cadorna: 2
________________________________________
Motto: acriter in hostes
(con vigore contro il nemico)
Nota: motto riferito al comandante in capo (fino a Caporetto)
Nome Cadorna : Luigi Cadorna: generale capo di S.M. dell'Esercito (1850-1928) nella I G.M.
________________________________________
NEL DATABASE:
________________________________________
Tutte le unità della classe Cadorna:
• Armando Diaz
• Luigi Cadorna
________________________________________

La classe Condottieri di incrociatori leggeri della Regia Marina fu in realtà una sequenza di cinque classi distinte, realizzate negli anni trenta, sebbene queste mostrino una chiara linea evolutiva. Furono costruite prima della seconda guerra mondiale per guadagnare il dominio del Mar Mediterraneo. Le navi furono battezzate in onore di comandanti militari della storia italiana.
Ogni classe prende il nome dalla prima nave del gruppo:
• Alberto di Giussano:
o Alberto di Giussano
o Alberico da Barbiano
o Bartolomeo Colleoni
o Giovanni delle Bande Nere
• Luigi Cadorna:
o Luigi Cadorna
o Armando Diaz
• Raimondo Montecuccoli

o Raimondo Montecuccoli
o Muzio Attendolo
• Duca d'Aosta:
o Emanuele Filiberto Duca d'Aosta
o Eugenio di Savoia
• Duca degli Abruzzi:
o Luigi di Savoia Duca degli Abruzzi
o Giuseppe Garibaldi
Evoluzione [modifica]


Il Montecuccoli in navigazione
La corazzatura aumentò progressivamente, molto ridotta e priva di capacità pratiche di difesa nei modelli iniziali, con uno spessore in millimetri di protezione della cintura che non raggiungeva la velocità in nodi (Da Giussano: 25mm contro 42 nodi mostrati alle prove), per arrivare nel quinto gruppo, Luigi Savoia Duca degli Abruzzi e Giuseppe Garibaldi, a 130 mm. Questo si sarebbe visto anche in azioni di guerra, con i primi incrociatori affondati con facilità (come il Bartolomeo Colleoni contro il HMS Sidney) mentre il Giuseppe Garibaldi sopravvisse a 2 siluri del sottomarino HMS Ulpholder britannico e divenne poi la prima nave missilistica italiana. Anche l'armamento e le sovrastrutture vennero molto modificate nel corso della produzione.
Il primo gruppo, le quattro classe Da Giussano furono costruite primariamente per la velocità, erano virtualmente prive di armatura e dotate di grossi impianti motori, equivalenti a quelli degli incrociatori pesanti classe Zara. Le due unità classe Cadorna mantennero le caratteristiche principali con cambiamenti minori. Per il tipo Alberto da Giussano e per il tipo Cadorna più che di incrociatori leggeri si può parlare di grossi esploratori.
Veri e propri incrociatori leggeri furono le unità costruite a partire dalla due unità della classe Montecuccoli che furono maggiormente modificate, più pesanti, significativamente meglio protette e con motori migliorati per mantenere la velocità richiesta. Le due classe Duca d'Aosta continuarono la tendenza con un maggiore spessore della corazzatura e un nuovo aumento della potenza dei motori.
La coppia finale, le due Duca degli Abruzzi completarono la transizione sacrificando un poco di velocità per un'armatura ancora migliore e i cannoni aggiuntivi per le batterie secondarie.
Il Raimondo Montecuccoli esiste ancora, almeno in parte: un suo impianto binato di cannoni a culla unica (senza torretta e culatte) fa la guardia minacciosamente sulla città di Perugia, e vicino vi è anche l'albero su cui sono state annotate le miglia percorse «con efficienza con audacia».
Reply With Quote
  #32  
Old 07-06-2010, 21:32
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

OK Pedro I will do my best again.


Light cruiser "Luigi Cadorna"
Luigi Cadorna was a light cruiser Italian, belonging to the Condottieri type Luigi Cadorna. He was named General of WWI Luigi Cadorna. Not having sufficient protection to operate in shares of the team, during the second world war was roles Commons and protection for the convoys Italians and Germans.
In 1940 the cannon fire from 40/39 mm were replaced with 8 machinegunner 20/65 mm. In 1943 the gunner from 13.2 mm were replaced with machinegunner 20 mm. In 1944 the tubes torpedo tubes were removed. It was also equipped with accommodation for windshields and posamine and 2 grenade launchers antisubmarine warfare
After World War II was left under the Italian Navy, but now obsolete she in 1951.
Light cruiser "Luigi Cadorna":
Launched in 1931 Presence during wartime:
This entry into war (20 June 1940): Yes
This part of the conflict (1 January 1942): Yes
This Armistice (8 September 1943): Yes
Note: The Cadorna and Diaz belonged to the second order of Condottieri class. Were light cruisers, fast and well armed, but with increased security and stability compared with previous (Giussano and da barbiano, set in the late 1920s to counter French units). The Cadorna entered service at the beginning of the thirties and played missions during the war of Spain and for operations in Albania (1939). He carried out 24 missions of war before the Armistice (15853 miles) and a further 18 until May 1945 10735 miles). He participated at the battle of Punta Stilo in July 1940, avoiding a submarine torpedoes and self-defence by air attacks. In 1941 he tasks Commons trainsets. Between November and December 1941 he was employed in fast transport of materials and personnel and for Africa. In 1942 he was stationed in Pula schools CREM for tutorials. Later he made further transport troops and laying of mines.
Because of the loss: Delivery
-When: 09/10/43-where: Malta Details of fate: The Cadorna was at Taranto at the time of the Armistice. Departed the next day to Malta where he arrived on 10 September.
Note: after the armistice Between the Armistice and the May 1945 the Cadorna had carried out 18 missions for about 10,000 miles. At the end of the conflict was left to the Italian Navy, but has not been used in operational tasks. The Cadorna she in 1951.
________________________________________
Cadorna class Characteristics:
Type: light cruiser (tons) Displacement: 7100
Length (metres): 169,3
Depth (metres): 5.5
Width (metres): 15.5
Power (horsepower): 95,000
Main Armament: 8 x 152/53
Secondary Armament: 6 x 100/47
Weapons minors: 2 x 40/39
Other weapons: 8 x 13.2
Torpedoes: 4
Crew: 507
Speed (nodes): 36
Number of units of the Cadorna class: 2
________________________________________
Motto: acriter in hostes
(with force against the enemy)
Note: motto reported to the Commander in Chief (up to Caporetto) Name Cadorna: Luigi Cadorna: General Army Chief of s.m. (1850-1928) in The G.M.
________________________________________
In the database:
________________________________________
All units of Cadorna class:
• Armando Diaz
• Luigi Cadorna
________________________________________
The Condottieri class of light cruisers of the Regia Marina was actually a sequence of five distinct classes, built in the 1930s, although these show a clear evolutionary line. Were built before World War II to earn the domination of the Mediterranean Sea. The ships were named in honour of the Italian military commanders in history.
Each class is named after the first ship of the Group:
• Alberto di Giussano: or Alberto di Giussano or Alberico da barbiano or Bartolomeo Colleoni or Giovanni delle Bande NERE • Luigi Cadorna: or Luigi Cadorna or Armando Diaz • Raimondo Montecuccoli • or Raimondo Montecuccoli or Muzio Attendolo • Duca D'Aosta: or Emanuele Filiberto Duca D'Aosta or Eugene of Savoy • Duca degli Abruzzi: or Luigi di Savoia Duca degli Abruzzi or Giuseppe Garibaldi Evolution [edit]

The Montecuccoli in navigation
The armour increased progressively, much reduced and lacks practical skills of defence in the initial templates, with a thickness in mm belt that security was less than the speed in knots (da giussano: 25 mm against 42 knots shown evidence), to reach the fifth group, Luigi Savoia Duca degli Abruzzi and Giuseppe Garibaldi, 130 mm. This would have also seen war actions, with the first cruisers were sunk with ease (like Bartolomeo Colleoni against HMS Sidney) while Giuseppe Garibaldi survived 2 torpedoes of the British submarine HMS Ulpholder and became the first ship Italian missile. Also the armament and the superstructure were much changed during production.
The first group, the four class da giussano were built primarily for speed, were virtually devoid of armor and equipped with utility engines, equivalent to those of Zara class heavy cruisers. The two units class Cadorna did keep the main characteristics with minor changes. For the type giussano type Cadorna rather than light cruisers can you talk about big explorers.
Real light cruisers were the units built two units of class Montecuccoli who were most affected, heavier, significantly better protected and with improved engines to maintain the required velocity. The two class Duca D'Aosta continued the trend with a greater thickness of the armour and a new higher power engines.
The final pair, two Duca degli Abruzzi completed the transition by sacrificing a little speed for even better armor and guns secondary batteries add-ons.
The Raimondo Montecuccoli still exists, at least in part: its plant is mainly of guns to cradle only (without turret and breeches) makes the guard, leaning over the city of Perugia, and nearby there is also the tree on which were noted miles ' efficiently with Audacity
Attached Images
File Type: jpg RN ARMANDO DIAZ-1933-1941TNCC.jpg (1.33 MB, 52 views)
File Type: jpg RN LUIGI CADORNA-1933-1951-37MW.jpg (1.20 MB, 66 views)
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #33  
Old 08-06-2010, 10:46
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Very much thanks for your fine and excellent work!!!!.I shall follow seeking information about the history in Italian language about the Italian light cruisers of the Second World War.The fascist Italy had a lot of cruisers in the Mare Nostrum!!,but in the Mediterranean was the Mediterranean Fleet with Admiral Cunningham to the head for to stoop the feets to the Italian fascist.


Terry best regards dear friend,yours:

Pedro

Last edited by alanbenn : 08-06-2010 at 10:57. Reason: changed the word to dear friend, mis spelt.
Reply With Quote
  #34  
Old 09-06-2010, 11:27
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Hello dear friend Terry!:
I have other history of the one new Italian light cruiser,she is "Attilio Regolo" of course this history is written in Italian language and Terry must to use your wonderful program of traslation.Here goes it!.

Pedro

L'Attilio Regolo è stato un piccolo e veloce incrociatore leggero della Regia Marina appartenente alla classe Capitani Romani. Delle dodici unità previste, solo tre entrarono in servizio, prendendo parte al secondo conflitto mondiale: Attilio Regolo, Scipione Africano e Pompeo Magno. Le altre non vennero mai completate.

Indice [nascondi]
1 Attività bellica
1.1 Armistizio e affondamento della corazzata Roma
1.1.1 L'internamento alle Baleari
2 Dopoguerra
2.1 Chateaurenault (D 606)
3 Note
4 Bibliografia
5 Collegamenti esterni


Attività bellica [modifica]
La sua costruzione avvenne nel Cantiere navale OTO di Livorno dove il suo scafo impostato il 29 settembre 1939 venne 28 agosto 1940. Entrato in servizio il 14 maggio 1942, il successivo 7 novembre al rientro da una missione di posa di mine fu colpito da un siluro del sommergibile inglese Unruffled che gli asportò completamente la prora. Dopo essere riuscito a raggiungere Messina venne rimorchiato fino alla Spezia, dove gli venne applicata la prora del Caio Mario ancora in costruzione.

Immagini della nave in navigazione senza prora
L'Attilio Regolo naviga senza la prora
dopo il siluramento L'Attilio Regolo con la prora asportata

Armistizio e affondamento della corazzata Roma [modifica]
Rientrato in servizio il 4 settembre 1943, il giorno dell'armistizio dell'8 settembre la nave si trovava a La Spezia al comando del Capitano di Vascello Notorbartolo di Sciara, e faceva parte della VII Divisione, insieme agli incrociatori Montecuccoli ed Eugenio di Savoia, nave ammiraglia della VII Divisione con insegna dell'ammiraglio Oliva. In quella giornata l'Ammiraglio Bergamini, comandante delle forze navali da battaglia, venne avvertito telefonicamente dal Capo di Stato maggiore della Marina De Courten dell'armistizio ormai imminente, e delle relative clausole che riguardavano la flotta, che prevedevano il trasferimento immediato delle navi italiane in località che sarebbero state designate dal Comandante in Capo alleato, dove le navi italiane sarebbero rimaste in attesa di conoscere il proprio destino, e che durante il trasferimento avrebbero innalzato, in segno di resa, pennelli neri sui pennoni e disegnato due cerchi neri sulle tolde. La proclamazione dell'armistizio giunse via radio nella stessa serata, dopo che qualche ora prima era stata già data notizia via radio da Algeri.

Bergamini era andato su tutte le furie[1] per poi formalmente accettare con riluttanza gli ordini, dopo che ebbe l'assicurazione che era esclusa la consegna delle navi e l'abbassamento della bandiera e dopo essere stato informato che il generale Ambrosio aveva chiesto agli angloamericani che la Flotta per motivi tecnici potesse trasferirsi alla Maddalena, dove tutto era pronto per l'ormeggio delle navi e dove si sarebbero trovati il Re Vittorio Emanuele III e il governo.

Alle 3 del mattino del 9 settembre, dopo concitate riunioni tra ufficiali, dove erano emerse diverse posizioni, quali l'intenzione di salpare per cercare un'ultima battaglia, o di autoaffondare le navi, avendo Bergamini preso in mano la situazione, da La Spezia partì per dirigersi all'isola sarda della Maddalena, il gruppo navale formato dalle corazzate Roma, con l'insegna di nave ammiraglia della flotta, Vittorio Veneto e Italia che costituivano la IX Divisione, dagli incrociatori della VII Divisione, con l'Attilio Regolo che svolgeva il ruolo di conduttore di flottiglia dei cacciatorpediniere di squadra con l'insegna dell'ammiraglio Garofalo, dai cacciatorpediniere Mitragliere, Fuciliere, Carabiniere e Velite della XII Squadriglia ed i cacciatorpediniere Legionario, Oriani, Artigliere e Grecale della XIV Squadriglia ed una Squadriglia di torpediniere formata da Pegaso, Orsa, Orione, Ardimentoso e Impetuoso.

Il gruppo, circa tre ore dopo la partenza, si ricongiunse con il gruppo navale proveniente da Genova, formato dalle unità della VIII Divisione, costituita da Garibaldi, Duca degli Abruzzi e Duca d'Aosta, nave insegna dell'ammiraglio Banchieri, preceduti dalla torpediniera Libra, al cui comando c'era il capitano di Corvetta Riccardi. Dopo il ricongiungimento delle due formazioni navali, per ottenere una omogeneità nelle caratteristiche degli incrociatori, il Duca d'Aosta passò dalla VIII alla VII Divisione, sostituendo l'Attilio Regolo che passò alle dipendenze della VIII Divisione.

La formazione navale, composta da ventitré unità, navigava senza avere issato i pennelli neri sui pennoni e aver disegnato i dischi neri sulle tolde come prescritto dalle clausole dell'armistizio, ma la corazzata Roma con a bordo l'insegna dell'ammiraglio Bergamini aveva innalzato il gran pavese. La formazione quando nel pomeriggio del 9 settembre stava per raggiungere La Maddalena, Bergamini venne avvertito da un messaggio di Supermarina che La Maddalena era stata occupata dai tedeschi e gli venne ordinato di cambiare rotta e dirigersi a Bona in Algeria. Bergamini ordinò di invertire subito la rotta di 180º, manovra che venne eseguita a velocità elevata. La formazione, al largo dell'isola dell'Asinara, venne sorvolata ad alta quota da bimotori Dornier Do 217 della Luftwaffe partiti dall'aeroporto di Istres, presso Marsiglia che sganciarono bombe razzo teleguidate Ruhrstahl SD 1400, conosciute dagli alleati con il nome di Fritz X, la cui forza di penetrazione era conferita dall'alta velocità acquistata durante la caduta, essendo prescritto il lancio da un'altezza non inferiore ai 5000 metri. La bomba era munita di un apparecchio ricevente ad onde ultracorte trasmesse dall'aereo, che permetteva di dirigerla verso il bersaglio ed avrebbero potuto essere contrastate solo con disturbi radio, in quanto volando alla quota di 6500 metri gli aerei sarebbero stati irraggiungibili. Per una troppo stretta ottemperanza alle disposizioni del Comando Supremo di osservare la neutralità, non vennero lanciati i caccia che le corazzate classe Littorio portavano a bordo, il solo mezzo che avrebbe potuto contrastare l'azione ad alta quota dei bombardieri tedeschi.

Alle 15.45 la corazzata Roma venne centrata una prima volta da un colpo che apparentemente non produsse effetti devastanti, anche perché l'esplosione avvenne in profondità nello scafo, ma un secondo colpo alle 15.50 centrò la nave verso prua con conseguenze ben diverse per la nave e per gran parte dell'equipaggio: la torre n. 2 saltò in aria, cadendo poi in mare, con tutta la sua massa di 1500 tonnellate, pari a quella di un cacciatorpediniere o di 30 carri armati Tiger. Lo scafo si spaccò dopo pochi minuti. La torre corazzata di comando fu investita da una tale vampata, che venne addirittura deformata e piegata dal calore, abbattendosi in avanti e scomparendo proiettata in alto a pezzi in mezzo a due enormi colonne di fumo: l'ammiraglio Bergamini con il suo stato maggiore, il comandante della nave Adone Del Cima e buona parte dell'equipaggio vennero uccisi pressoché all'istante. La vampata salì almeno a 400 metri di quota, formando il classico «fungo» delle grandi esplosioni.

La nave, alle 16.11, girandosi su un fianco, si capovolse e, spezzandosi in pochi minuti in due tronconi affondò, mentre sul ponte si affannavano i marinai supersiti, molti gravemente feriti ed ustionati. Mentre la nave sprofondava in acqua, dopo che lo scafo si era spezzato in due, chi si trovava a bordo rimase condannato, specialmente chi era a poppa e cinquanta marinai in procinto di gettarsi in acqua vennero travolti. Chi poté farlo, riuscì ad allontanarsi e ad essere salvato dai cacciatorpediniere di scorta.

Senza attendere ordini Mitragliere e Carabiniere invertirono immediatamente la rotta per recuperare i superstiti, seguiti da Regolo e Fuciliere. A queste unità si aggiunsero le torpediniere Pegaso, Orsa e Impetuoso.

I naufraghi della Roma, recuperati dalle unità navali inviate in loro soccorso furono seicentoventidue, di cui cinquecentotre recuperati dai tre cacciatorpediniere, diciassette dall’Attilio Regolo e centodue dalle tre torpediniere.

Successivamente venne colpita gravemente, ma non in maniera mortale, anche l'Italia (ex Littorio), ma essendo la carica di scoppio assai ridotta, la nave da battaglia, nonostante avesse imbarcato circa ottocento tonnellate di acqua continuò, seppure appesantita a navigare in formazione.

A prendere il comando della flotta diretta a Malta, dopo l'affondamento dalla Roma, fu l'ammiraglio Oliva, il più anziano tra gli ammiragli della formazione e comandante della VII Divisione con insegna sull'Eugenio di Savoia, che adempì ad una delle clausole armistiziali, quello di innalzare il pennello nero del lutto sui pennoni ed i dischi neri disegnati sulle tolde.[2] mentre le sette navi si erano fermate a recuperare i morti e i feriti dell'ammiraglia, il resto della squadra proseguì la navigazione dirigendo verso Malta destinazione scelta dagli alleati, dove la formazione si sarebbe ricongiunta con il gruppo proveniente da Taranto guidato dall'ammiraglio Da Zara e costituito dalle Duilio dal Cadorna e dal Pompeo Magno.

Nel frattempo i cacciatorpediniere della Classe Navigatori Ugolino Vivaldi e Antonio Da Noli, che avevano lasciato La Spezia la sera dell'8 settembre con destinazione Civitavecchia, dove si sarebbero dovuti imbarcare il Re e il governo per raggiungere La Maddalena, essendo stata l'isola occupata dai tedeschi, venne deciso che il Re si recasse a Brindisi e le due unità, ormai in prossimità di Civitavecchia, ricevettero il contrordine di ricongiungersi con la Squadra partita da La Spezia e proseguire per Bona; ma esendo le navi costrette a passare attraverso le Bocche di Bonifacio le due unità vennero attaccate delle motosiluranti tedesche e subirono il bombardamento delle batterie costiere tedesche posizionate in Corsica incappando anche in campi minati naufragando. Le navi impegnate nel salvataggio dei naufraghi della corazzata Roma, ricuperarono anche i sopravvissuti dei due cacciatorpediniere.

Il recupero dei naufraghi si concluse poco prima delle 18 ed a quel punto il Capitano di Vascello Marini, comandante del Mitragliere, caposquadriglia della XII, tenuto conto dei molti feriti gravi a bordo, richiese al Regolo, l'autorizzazione a dirigere ad alta velocità verso Livorno, ma venne informato dal comandante del Regolo, che il comandante del gruppo cacciatorpediniere di squadra, il Capitano di Vascello Franco Garofalo, non era a bordo in quanto era stato autorizzato da Bergamini a imbarcarsi su una corazzata, ma la sua insegna era rimasta sul Regolo e a quel punto il comandante superiore in mare del gruppo di sette navi, come ufficiale più anziano, era proprio Marini, che si trovava all'improvviso a dover prendere delle decisioni, sprovvisto delle informazioni utili a questo scopo. Il gruppo si trovava nella impossibilità di mettersi in contatto con la la formazione al comando dell'ammiraglio Oliva e con Supermarina, non ricevendo risposta ai loro messaggi e dalla intercettazione dei messaggi di Supermarina dimostravano l'impossibilità di rientrare in porti italiani per sbarcare i feriti che avevano urgente bisogno di cure ospedaliere per cui era a quel punto necessario raggiungere le coste neutrali più vicine per lo sbarco dei feriti che non era possibile curare a bordo a causa della gravità delle loro condizioni ed inoltre le navi avevano ormai una ridotta autonomia a causa della riduzione delle scorte di nafta.

Il comandante Marini, data la minore velocità delle torpediniere divise il gruppo in due e diede alle torpediniere libertà di manovra sotto il comando del Capitano di Fregata Riccardo Imperiali, comandante del Pegaso, assumando il comando del resto della formazione composta dal Regolo e dai tre cacciatorpediniere. Marini e Imperiali decisero autonomamente ed indipendentemente di dirigere le loro formazioni verso le Baleari, considerato che la Spagna era neutrale, sperando che avrebbe consentito lo sbarco dei feriti e forniti i necessari rifornimenti di carburante e acqua potabile, senza procedere all'internamento delle navi ed aveva il vantaggio di essere in posizione centrale rispetto a eventuali successivi spostamenti verso l'Italia, verso Tolone o verso l'Africa settentrionale.

L'internamento alle Baleari [modifica]
I due gruppi giunsero nelle Baleari nella mattinata del 10 settembre, con il gruppo di Marini che attracco a Porto Mahon nell'isola di Minorca e le tre torpediniere nella baia di Pollensa nell'isola di Maiorca.

Dei seicentoventidue naufraghi recuperati, nove decedettero a bordo delle navi e sedici sarebbero deceduti all'Ospedale di Porto Mahon.

L'Attilio Regolo in linea di fila con Mitragliere, Fuciliere e Carabiniere al rientro a Taranto il 23 gennaio 1945.Nel primo pomeriggio del 10 settembre vennero sbarcati e trasportati all'ospedale 133 tra feriti e ustionati, mentre la mattina dell'11 settembre le salme di coloro che erano morti durante la traversata vennero deposte su un camion che si avviò al cimitero, seguito da un mesto corteo di marinai italiani, dove venne dato loro sepoltura. Nella notte tra il 10 e l'11 settembre a bordo del Regolo per evitare che lasciando le acque spagnole la nave dovesse consegnarsi agli alleati, aveva sabotato le turbine della nave. Nella stessa notte i comandanti del Pegaso e dell'Impetuoso Imperiali e Cigala Fulgosi alle 3 del mttino dell'11 settembre, dopo aver lasciato gli ormeggi autoaffondarono le due unità, i cui equipaggi raggiunsero terra con le imbarcazioni e furono internati. Il comandante Marini aveva cercato di avere i rifornimento di acqua e nafta, che gli spagnoli non concessero con vari espedienti e nel pomeriggio dell'11 settembre le autorità spagnole, senza aver dato il necessario preavviso, previsto dalla Convenzione dell'Aia, comunicarono al Comandante Marini che le navi non avendo lasciato gli ormeggi entro le previste 24 ore erano sotto sequestro per ordine del governo spagnolo.

I mesi che seguirono l'internamento furono carichi di tensione, con molti componenti degli equipaggi delle navi che simpatizzavano apertamente per la Repubblica Sociale Italiana. Nel gennaio 1944 vi fu la diserzione del direttore di macchina del Fuciliere, il capitano del genio navale Alberto Fedele e del direttore di tiro del Regolo, il Tenente di Vascello Mario Ducci, che con l'aiuto dell'ex addetto navale italiano raggiunsero il Nord Italia. A febbraio ci fu un tragico tentativo di fuga da parte 10 marinai del Regolo, che usciti in franchigia non erano più rientrati; la contemporanea sparizione di un peschereccio da 14 tonnellate fece ritenere che i dieci avesse rubato il motopeschereccio per attuare un loro progetto di fuga ed il fatto che quella notte e nei giorni successivi il tempo fu burrascoso con vento e mare agitatissimo fece ritenere che i fuggiaschi fossero naufragati.

Forti tensioni vi furono a causa dell'astio che militari e civili spagnoli di fede falangista covavano verso gli equipaggi delle navi ritenuti badogliani.

Dopo molte trattative diplomatiche le navi vennero autorizzate a lasciare le acque spagnole il 15 gennaio 1945, raggiungendo Taranto il 23 gennaio.

Dopoguerra [modifica]
Nel dopoguerra, in base alle clausole del trattato di pace fu tra le unità che l'Italia dovette mettere a disposizione come riparazione per danni di guerra ed il 27 luglio 1948, fu ceduto alla Francia con la sigla R4.[3]

Chateaurenault (D 606) [modifica]
Insieme al Regolo anche il gemello Scipione Africano venne ceduto ai francesi. Le due unità costituirono nella Marine Nationale la Classe Chateaurenault e vennero riarmate con cannoni ex-tedeschi da 105mm, gli stessi che costituivano l'armamento antiaereo degli incrociatori tedeschi Classe Hipper che sostituirono i cannoni 135/45 originari. Questi cannoni costituivano un armamento più leggero rispetto a quello originario ma con la virtù di essere armi duali avendo la fondamentale capacità di eseguire un'efficace tiro contraerei.

L'Attilio Regolo venne ribattezzato Chateaurenault e riclassificato cacciatorpediniere ebbe assegnata la matricola D 606 svolgendo il ruolo di conduttore di flottiglia e portabandiera della I Flottiglia Escorteurs d'Escadre della Squadra Navale del Mediterraneo di base a Tolone. La nave, posta in disarmo il 1º gennaio 1962 venne radiata il successivo 1º ottobre ed utilizzata come unità addestrativa.

Note [modifica]
^ Gianni Rocca - Fucilate gli ammiragli, op. cit., pag. 305
^ Gianni Rocca - Fucilate gli ammiragli, op. cit., pag. 309
^ Le navi che l'Italia dovette consegnare in base al trattato di pace nell'imminenza della consegna vennero contraddistinte da una sigla alfanumerica. Le navi destinate all'Unione Sovietica erano contraddistinte da due cifre decimali precedute dalla lettera 'Z': Cesare Z11 Artigliere Z 12, Marea Z 13, Nichelio Z 14, Duca d'Aosta Z15, Animoso Z16, Fortunale Z17, Colombo Z18, Ardimentoso Z19, Fuciliere Z20; le navi consegnate alla Francia erano contraddistinte dalla lettera iniziale del nome seguita da un numero: Oriani O3, Regolo R4, Scipione Africano S7; per le navi consegnate a Yugoslavia e Grecia, la sigla numerica era preceduta rispettivamente dalle lettere 'Y' e 'G': l'Eugenio di Savoia nell'imminenza della consegna alla Grecia ebbe la sigla G2. Stati Uniti e Gran Bretagna rinunciarono integralmente all'aliquota di naviglio loro assegnata, ma ne pretesero la demolizione - Bagnasco, Erminio (1988). La Marina Italiana. Quarant'anni in 250 immagini (1946-1987). supplemento "Rivista Marittima". ISSN: 0035-6984.
Bibliografia [modifica]
Gino Galuppini, Guida alle navi d'Italia : dal 1861 a oggi, Milano, A. Mondadori, 1982.
Gianni Rocca, Fucilate gli ammiragli. La tragedia della marina italiana nella seconda guerra mondiale, Milano, A. Mondadori, 1987. ISBN 978-88-04-43392-7
Giuseppe Fioravanzo, La Marina Militare nel suo primo secolo di vita 1861-1961, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1961.
Giuseppe Fioravanzo, La Marina dall'8 settembre alla fine del conflitto, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1971.
Raffaele De Courten, Le Memorie dell'Ammiraglio de Courten (1943-1946), Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1993.
Robert Gardiner; Roger Chesneau, All the World Fighting's Ships 1922-1946, Annapolis, MD, Naval Institute Press, 1980. ISBN 978-0-85177-146-5
Bergamini, Pier Paolo (gennaio 2002). Le forze navali da battaglia e l'armistizio. supplemento "Rivista Marittima" (1). ISSN: 0035-6984.
Reply With Quote
  #35  
Old 09-06-2010, 12:08
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

OK Pedro.




The Attilio Regulus was a small and fast Navy light cruiser class Captains Romans. Of the twelve units planned, only three entered service, taking part in the second World War: Attilio Regulus, Scipio Africanus and Pompeius Magnus. The others were never completed.
Index [Hide]
1 military Activity 1.1 Armistice and sinking of the battleship Roma 1.1.1 confinements Balearic 2 Post-war 2.1 Chateaurenault (d 606) 3 Note 4 Bibliography war Activities 5 external links [edit]
Its construction took place in the shipyard OTO Livorno where her hull set on 29 September 1939 was 28 August 1940. Entered service on 14 May 1942, the next 7 November to return from a mission of laying of mines was hit by a torpedo of the submarine English Unruffled that the bow was completely asportò. After it managed to reach Messina was towed up at Spezia, where he applied the prow of Caio Mario still under construction.
Images of ship navigation without prora The Attilio Regulus sail without the bow
After the dismissal The Attilio straight edge with the stem removed Armistice and sinking of the battleship Roma [edit]
He returned to service on 4 September 1943, the day of the Armistice of 8 September, the ship was at La Spezia in command of Captain Notorbartolo di sciara, and was part of the 7TH Division, together with the cruisers Montecuccoli and Eugenio di Savoia, flagship of the 7TH Division with teaches of Admiral Olive. That day the Bergamini Admiral, Commander of naval battle, was alerted by telephone by the Chief of staff of the Marina de Courten Armistice imminent and related clauses which were in the fleet, which provided for the immediate transfer of Italian ships at locations that were designated by the Commander in Chief ally, where Italian ships remained waiting to know their own destiny, and that during the transfer would have raised, as a sign of surrender, brushes neri flagpoles and designed two circles neri on tolde. The proclamation of the Armistice came via radio in the same evening, after a few hours before the news had already been given by radio from Algiers.
Bergamini had gone out [1] then formally accept reluctantly orders, after he had the assurance that had excluded the delivery of the ships and the lowering of the flag and after being informed that the General Ambrosio had asked the Anglo-Americans fleet for technical reasons could transfer to Maddalena, where everything was ready for the mooring of vessels and where they would found the King Vittorio Emanuele III and the Government.
At 3 am on 9 September, after challenging phases meetings between officers, where they had emerged several positions, such as the intention of sail to try one last battle, or autoaffondare ships, having Bergamini usurped the situation, from La Spezia left to go to the island of la Maddalena, the naval group formed by armored Rome, with the flagship of the fleet, Vittorio Veneto and Italy which constituted the 9TH Division, by cruisers of the 7TH Division, with Attilio Regulus which he uncovered flotilla of destroyers teamwork with the sign of Admiral Garofalo, by destroyers Gunner, Rifleman, Carabiniere and Velite of 12TH Squadron and Legionnaire, Oriani destroyer, USS Woodworth and Grecale of 14TH Squadron and a Squadron of fast torpedo boats formed by Pegaso, Ursa, Orion, courageous journey and Impetuous.
The group, about three hours after departure, it found itself with the naval group from Genoa, formed by units of the 8TH Division, consisting of Garibaldi, Duca degli Abruzzi and Duca D'Aosta, ship teaches of Admiral Bankers, preceded by the torpedo boat Libra, at whose command there was the captain of Corvette Riccardi. After the reunification of the two naval formations, to get a featured cruisers, the Duca D'Aosta passed from 8TH to 7TH Division, replacing the Attilio Regulus who spent employed Division VIII.

Naval training, composed of twenty-three units, travelling without having hoisted black brushes flagpoles and drew black discs on tolde as prescribed by the terms of the Armistice, but the battleship Roma with aboard the teaches of Admiral Bergamini had lifted up animations. The training when on the afternoon of September 9, was about to reach la Maddalena, Bergamini was warned by a message supermarina that Mary Magdalene was occupied by the Germans and was ordered to change course and head to Bona in Algeria. Bergamini ordered reverses suffered the route of arm, manoeuvre that was performed at high speed. Training, off the coast of the island of asinara, was peacefully at high altitudes from Chungking Dornier Do 217 of Luftwaffe parties from Istres, at Marseilles that unidentified airplanes dropped bombs rocket guided Ruhrstahl SD 1400, known by the allies with the name of Fritz X, whose strength penetration was conferred by the high speed purchased during the fall, being prescribed the launch from a height of not less than 5000 metres. The bomb was equipped with a receiver to waves transmitted from the aircraft, USW reception that allowed direct it toward the target and could be combated only with radio disturbance, as flying at 6500 meters aircraft would have been unattainable. For a too narrow compliance Supreme command to observe neutrality, they were launched fighters that the battleships class battleship Littorio brought on board, the only medium that could counter the action at high altitude bombers Germans.
At 3: 45 the battleship Roma was centered once from a blow that apparently not produced devastating effects, also because the explosion in depth in the hull, but a second shot at 15.50 earned ship fore with very different consequences for the ship and for much of the crew: the tower no 2 jumped in the air, falling into the sea, with all its mass of 1,500 tonnes, equal to that of a destroyer or 30 Tiger tanks. The hull broke up after a few minutes. The Tower ironclad command was hit by such a burst, that was even distorted and bent by heat, abbattendosi forward and disappearing projected top pieces between two huge columns of smoke: Admiral Bergamini with his staff, the master of the vessel Adonis Of Top and much of the crew were killed almost instantly. The burst rose at least 400 metres above sea level, forming the classic ' mushroom ' big explosions.
The ship, at 16: 11, turning on its side, capsized, and spezzandosi in a few minutes two sank, while on the bridge is affannavano supersiti sailors, many are seriously injured and burns patients. While the ship was shrouded by water, after which the hull had broken into two, who was aboard was sentenced, especially those who was aft and fifty sailors about to fall in the water were overwhelmed. Who could, managed to escape and to be rescued by the destroyer escort.
Without waiting for orders gunner Carabiniere they inverted immediately to retrieve survivors, followed by Regulus and Rifleman. These units later fast torpedo boats Pegaso, Orsa and Impetuous.
Survivors of Rome, recovered from naval units sent in their rescue were seicentoventidue, of which cinquecentotre retrieved by three destroyers, seventeen by Attilio Regulus and 102 by the three fast torpedo boats.
Subsequently he was severely affected, not deadly, Italy (formerly Littorio), but being the position of the outbreak, the battleship, although it had embarked about 800 tons of water continued, albeit burdened to surf training.
To take command of the fleet to Malta, after the sinking from Rome, was Admiral Olive, the most senior among the admirals training and Commander of the 7TH Division with teaches about Eugene of Savoy, which fulfilled one of the clauses armistiziali, to raise the black brush of mourning flagpoles and black drawn on discs tolde. [2] while the seven ships had stops to retrieve the dead and the wounded of the flagship, the rest of the team rode on the navigation heading towards Malta destination chosen by the allies, where training was reunited with the group from Taranto of Zara and formed by Duilio from Cadorna and Pompeius Magnus.
Meanwhile the destroyer Class Navigators Ugolino Vivaldi and Antonio da noli, which had left La Spezia 8th September with destination Civitavecchia, where would embark King and the Government to reach la Maddalena, having been the island occupied by the Germans, it was decided that the King went to Brindisi and the two units, now in the neighbourhood of Civitavecchia, received the countermanding orders to rejoin the team game from La Spezia and follow for Bona; but to represent the two ships forced to pass through the Strait of Bonifacio the two units were attacked the German motosiluranti and suffered the bombardment of German coastal batteries placed in Corsica end up also in minefields naufragando. Vessels engaged in the rescue of the survivors of the battleship Roma, recovered even the survivors of the two destroyers.
The recovery of the survivors ended just before 18 and at that point Captain Marini, master of the Gunner, squadron leader of the XII, taking into account the many seriously wounded on board, took the Regulus, the authorisation to direct high-speed to Livorno, but was informed by the Commander of the straight edge, that the Commander of the destroyer group team captain Frank Garofalo, wasn't on board as they had been authorized by Bergamini to embark on a battleship, but he had remained on the straight edge and at that point, the top commander in the sea of the Group of seven ships, as senior officer, was just Marini, who were suddenly faced with making decisions, without the information useful for this purpose. The Group was in the inability to contact the training to the command of Admiral Olive and with Supermarina, didn't reply to their messages and by intercepting messages supermarina demonstrated the inability of return in Italian ports to land the wounded who had urgently need hospital care for which it was then necessary to reach the nearest neutral for disembarkation injured that wasn't possible cure on board due to the severity of their condition and also ships had already reduced autonomy due to the reduction in stocks of NAFTA.
The Marine Commander, given the lesser speed of fast torpedo boats divided the group into two and gave to fast torpedo boats freedom of manoeuvre under the command of Captain of the frigate Riccardo Imperiali, Commander of the Pegasus, assumando command of the rest of by Regulus and three destroyers. Marini and Imperial decided autonomously and independently to direct their formations to the Balearics, considered that Spain was neutral, hoping that would have allowed the landing of the wounded and provided the necessary supplies of fuel and water, without proceeding to internment of vessels and had the advantage of being in relation to any subsequent trips to Italy, to Toulon or towards Northern Africa.
The internment Balearic [edit]
The two groups came in the Balearic Islands on the morning of 10 September, with the Group of marine mooring Port Mahon in the island of Minorca and the three fast torpedo boats in the Bay of Pollença in the island of Mallorca.

The seicentoventidue decedettero recovered nine castaways on board ships and sixteen would have died at the Hospital of Port Mahon.
The Attilio Regulus online in a row with Gunner, Rifleman and Carabiniere to Taranto on 23 January 1945. early in the afternoon of September 10, were landed and transported to the hospital 133 injured and burned, while on the morning of September 11, the corpses of those who had died during the crossing were laid on a truck that went to the cemetery, followed by a procession of Italian sailors mesto, where he was given their burial. On the night of 10 and 11 September aboard the straight edge to avoid leaving the Spanish waters were to surrender the ship to the allies, had sabotaged the turbines of the ship. In the same night Pegasus and commanders of the Imperial and Impetuous Naters at 3 mttino of 11 September, after leaving the moorings autoaffondarono the two units, whose crews reached the ground with boats and were interned. The Marine Commander had sought to have the supply of water and NAFTA that the Spaniards not conceded with various gimmicks and in the afternoon of September 11, the Spanish authorities, without giving the required notice under the Hague Convention, the Marine Commander told that ships not having left moorings within the planned 24 hours were confiscated by order of the Spanish Government.
The months that followed the internment were loads of tension, with many of who sympathised with openly for the Italian Social Republic. In January 1944 there was the desertion of the Chief Engineer of the Rifleman, Captain of the ship Alberto faithful and genius of Director shooting of Regulus, the Lieutenant Mario Ducci, who with the help of former Italian naval Attaché reached the North Italy. In February there was a tragic attempt to escape by 10 sailors of the straight edge, that come out in relief were no longer indented; the simultaneous disappearance of a vessel from 14 tonnes did believe that the ten he had stolen the trawler to implement their plan to escape and the fact that that night and in the days following the time was a stormy sea with wind and agitatissimo did believe that the escapees were wrecked.
Strong tensions there were because of animosity that military and civilian Spaniards of faith falangista they were formerly hidden to the crews of vessels deemed badogliani.
After diplomatic vessels were allowed to leave the waters of Spain on 15 January 1945, reaching Taranto on 23 January.
Post-war [edit]
After the war, under terms of the Treaty of peace was among the units that Italy had to make available as reparation for damage of war and on July 27, 1948, was ceded to France by the abbreviation R4. [3]
Chateaurenault (d 606) [edit]
Along with the straight edge even the twin Scipio Africanus was sold to French nationals. The two units formed in marine Nationale Chateaurenault class and were riarmate with guns ex-German 105 mm, the same that constituted the anti-aircraft armament cruisers Germans Class Hipper who replaced the cannons 135/45 originating. These guns were a armament lighter than the original but with virtue to be dual weapons having the crucial ability to run an effective anti-aircraft shot.
The Attilio Regulus was renamed and reclassified destroyers Chateaurenault had assigned the freshman D 606 acting conductor of flotilla and standard-bearer of The Flotilla Escorteurs of Escadre Naval Mediterranean team based at Toulon. The ship, put into disarmament on 1 January 1962 was delisted the next 1 October and used as training parts.
Note [edit]
^ Gianni Rocca-Shooting the admirals, op. cited above, p. 305 ^ Gianni Rocca-Shooting the admirals, op. cited above, p. 309 ^ ships that Italy had to deliver in accordance with the Treaty of peace in the run-up to delivery were identified by an acronym alphanumeric. The vessels used by the Soviet Union were identified by two decimal preceded by the letter ' z ': Cesare Z11 Gunner z 12, tide Z 13, Nickel Z 14, Duca D'Aosta Z15, fashion into Z16, violent storm Z17, Colombo Z18, courageous journey Z19, Rifleman Z20; ships delivered to France were identified from the initial letters of the name followed by a number: Oriani O3, Regulus R4, Scipio Africanus S7; for ships delivered to Yugoslavia and Greece, the abbreviation numeric was preceded by the letters ' y ' and ' G ': Eugene of Savoy in the run-up to the handover to Greece had the initials G2. United States and Britain withdrew in full at the rate of ships assigned to them, but they pretended demolition-Bagnasco, Erminio (1988). The Italian Navy. Forty years in 250 images (1946-1987). Supplement "Maritime" Magazine. ISSN 0035-6984.
Bibliography [edit]
Gino Galuppini, guide to the ships of Italy: from 1861 until today, Milan, a. Mondadori, 1982.
Gianni Rocca, Shooting the admirals. The tragedy of the Italian Navy in WWII, Milan, a. Mondadori, 1987. ISBN 978-88-04-43392-7 Giuseppe Fioravanzo, RN in its first century of life 1861-1961, Rome, Historical Office of RN, 1961.
Giuseppe Fioravanzo, Marina from 8 September to the end of the war, Roma, Historical Office of RN, 1971.
Raffaele De Courten, memories of Admiral de Courten (1943-1946), Rome, Navy Historical Office, 1993.
Robert Gardiner; Roger Chesneau, all the World's Fighting Ships 1922-1946, Annapolis, MD., Naval Institute press, 1980. ISBN 978-0-85177-146-5 Bergamini, Pier Paolo (January 2002). Naval forces from the battlefield and the Armistice. Supplement "Maritime" Magazine (1). ISSN 0035-6984.

The pictures below are of the three light cruisers in the Capitains Romans Class.

1. Attilio Regolo.
2. Scipione L`Africano.
3. Pompeo Magno.
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #36  
Old 09-06-2010, 21:11
alanbenn's Avatar
alanbenn alanbenn is offline
Forum moderator
 
Join Date: Mar 2008
Location: Gateshead
Posts: 3,234
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry, aside form Pedro who has thanked you, I have to say some of this stuff makes for a good read and the addition of the photo's from your collection is very much appreciated.

So very well done to you, look forward to more.

Regards
Alan
__________________

Dad 1956

http://alansshipsbadges.webs.com
Reply With Quote
  #37  
Old 09-06-2010, 21:22
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Thanks Alan. Although the on-line translation programmes dont provide a perfect result by any means I agree that these articles kindly supplied by Pedro are well worth a read.

It is clear that the Italian version of Wiki is the place to get detailed articles on Regia Marina warships!!
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #38  
Old 10-06-2010, 10:57
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear friend Terry,hello!:
Very much thanks for your fine and excellent work!!.And much thanks for to add the photos of the Italian cruisers!!!.

Terry excellent work,dear friend!!!

Pedro
Reply With Quote
  #39  
Old 10-06-2010, 11:16
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Here I put other history of one Italian light cruiser,in this case this is the light cruiser "Scipione Africano".Here goes it!

Pedro


Scipione Africano (incrociatore)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
Scipione Africano

L'incrociatore Scipione Africano
Descrizione generale
·
Tipo incrociatore leggero
Classe Capitani Romani
Numero unità {{{numero_unità}}}
Costruttori {{{costruttori}}}
Cantiere OTO Livorno
Matricola
Ordine
Impostazione 28 settembre 1939
Varo 12 gennaio 1941
Completamento 23 aprile 1943
Entrata in servizio
Proprietario
Radiazione 1948
Destino finale Ceduto alla Francia
Caratteristiche generali
Dislocamento 5.035 t
Stazza lorda 5.420 t
Lunghezza 142,2 m
Larghezza 14,4 m
Altezza m
Pescaggio 4,9 m
Profondità operativa m
Ponte di volo
Propulsione Vapore:
4 caldaie Thornycroft
4 turbine ad ingranaggi Parsons
2 assi
potenza: 110.000HP

Velocità 40 nodi
Autonomia 4.352 miglia a 18 nodi
Capacità di carico
Numero di cabine {{{numero_di_cabine}}}
Equipaggio 418
Passeggeri
Equipaggiamento
Sensori di bordo radar:
1 EC.3 Gufo

Sistemi difensivi
Armamento artiglieria alla costruzione:
8 cannoni da 135/45mm
(4 impianti binati)
8 cannoni da 37/54mm

8 mitragliere da 20/65mm

siluri:


8 tubi lanciasiluri da 533mm

Corazzatura solo qualche corazzetta
Mezzi aerei no
Note
Motto
Soprannome

Lo Scipione Africano è stato un piccolo e veloce incrociatore leggero della Regia Marina appartenente alla classe Capitani Romani. Delle 12 unità previste solo 3 entrarono in servizio, prendendo parte alla seconda guerra mondiale: Attilio Regolo, Scipione Africano e Pompeo Magno. Venne battezzato così in onore di Publio Cornelio Scipione. Lo Scipione Africano fu l'unico a essere equipaggiato con radar EC.3 Gufo.

Indice [nascondi]
1 Attività bellica
1.1 Armistizio
2 Dopoguerra
3 Guichen (D 607)
4 Note
5 Bibliografia
6 Collegamenti esterni


Attività bellica [modifica]
La sua costruzione, iniziata nel 1939, avvenne nel cantiere navale cantieri OTO di Livorno. Varato il 12 gennaio 1941 venne consegnato il 23 aprile 1943 e nel periodo maggio-luglio 1943 ormeggiato nei porti di La Spezia e Genova.

Dopo lo sbarco alleato in Sicilia e visto l’andamento delle operazioni terrestri nell'isola, in previsione di un eventuale blocco da parte Alleata dello Stretto di Messina, all'unità venne affidata la missione di forzare lo Messina e raggiungere Taranto. Lasciati gli ormeggi il 15 luglio 1943, l'incrociatore, mentre era impegnato nella difficile missione del forzamento dello Stretto, venne coinvolto il 17 luglio in uno scontro notturno con quattro motosilurante inglesi tra le quali la M.T.B. 315 e la M.T.B. 316, che nello scontro venne colpito dallo Scipione con il fuoco delle sue artiglierie, affondando con tutto l’equipaggio; lo Scipione riuscì ad evitare le altre motosiluranti grazie alla sua velocità, danneggiando gravemente un’altra motosilurante inglese e giungendo poi senza danni a Taranto. Probabilmente il fatto che la nave fosse dotata del radar E.C. 3ter Gufo, che probabilmente rilevò per tempo le motosiluranti inglesi, consentì all’equipaggio di apprestarsi alla difesa.

Tra il 4 ed il 17 agosto lo Scipione svolse alcune missioni di posa di mine nel Golfo di Taranto ed al largo della Calabria, sfidando gli aerei e le navi Alleate che tentavano di impedire l’evacuazione via mare delle forze italo - tedesche dalla Sicilia.

Lo Scipione Africano in navigazione
Lo Scipione Africano nella colorazione mimetica


Armistizio [modifica]
La sera dell'8 settembre quando via radio giunse la notizia dell'armistizio la nave si trovava a Taranto, dove intorno alle 6 del mattino del 9 settembre ricevette da Supermarina l'ordine di raggiungere a più presto Pescara; analogo ordine ricevettero le corvette Scimitarra e Baionetta che si trovavano a Brindisi e a Pola. Lo Scipione giunse poco dopo la mezzanotte a Pescara, dove la corvetta Baionetta al comando del Tenente di Vascello Piero Pedemonti intorno alle 21 aveva imbarcato il capo del governo Badoglio e il Ministro della Marina De Courten ed aveva proseguito per Ortona, dove intorno alle 1,10 del 10 settembre venne imbarcata la famiglia reale, per cui lo Scipione, invertita la rotta, intorno alle 7 del mattino raggiunse la corvetta Baionetta scortandola fino a Brindisi, dove il il Re Vittorio Emanuele III con il suo seguito giunsero nella stessa giornata del 10 settembre intorno alle 16, alloggiando nella palazzina del Comandante Militare Marittimo ammiraglio Rubatelli.

L'altra corvetta, la Scimitarra, giunta a Pescara da Brindisi, al comando del tenente di Vascello Remo Osti, intorno alle 7 del 10 settembre, non trovando nessuno ripartì circa quattro ore dopo ricevendo in navigazione l'ordine di andare a Taranto, ove sarebbe giunta verso le ore 12 dell'11 settembre.

A Brindisi, mentre avveniva lo sbarco della famiglia reale dalla corvetta, ad un certo punto si videro arrivare sei caccia che puntarono a volo radente sulla direttrice dello Scipione e della corvetta dove c’era il Re Vittorio Emanuele III; il fuoco contraereo dello Scipione costrinse gli aerei a cambiare direzione.

Il 29 settembre lo Scipione riprese il mare per scortare il Maresciallo Badoglio e parte del governo a Malta, dove il capo del governo italiano doveva firmare con il generale Eisenhower a bordo della corazzata britannica Nelson l'armistizio lungo nel quale venivano precisate le condizioni di resa imposte all'Italia già contenute genericamente nell'armistizio corto firmato il 3 settembre dal generale Giuseppe Castellano.

Durante la cobelligeranza effettuò alcuni viaggi ad Alessandria d'Egitto e ai Laghi Amari, dove erano internate le navi da battaglia italiane Vittorio Veneto e Italia.

Dopoguerra [modifica]
Nel dopoguerra, in base al trattato di pace, lo Scipione Africano fu tra le unità che l'Italia dovette mettere a disposizione come riparazione per danni di guerra e il 9 agosto 1948 venne ceduto alla Francia con la sigla S7.[1]

Guichen (D 607) [modifica]
Insieme allo Scipione Africano anche il gemello Attilio Regolo venne ceduto ai francesi. Le due unità nella Marine Nationale avrebbero costituirono la Classe Chateaurenault. Sin dal 23 luglio 1948 la nave venne ribatezzata Guichen e dopo la consegna venne inviata a Tolone per essere sottoposta a lavori di ammodernamento che si sono protratti a lungo, nel corso dei quali l'unità venne riarmata con sei cannoni ex-tedeschi da 105mm, gli stessi che costituivano l'armamento antiaereo degli incrociatori tedeschi della Classe Hipper, che sostituirono i cannoni 135/45 originari; questi cannoni costituivano un armamento più leggero rispetto a quello originario ma con la virtù di essere armi duali avendo la fondamentale capacità di eseguire un efficace tiro contraereo. Anche l'armamento antiaereo leggero venne potenziato con 10 cannoni da 57mm[2] in cinque impianti binati.

Al termine dei lavori la nave entrò in servizio di squadra il 9 aprile 1955 e riclassificata cacciatorpediniere, ebbe assegnata la matricola D 607 e divenne nave ammiraglia della Escadre Légère de l'Atlantique (Atlantico) di base a Brest.

La nave, ritirata dal servizio il 1º aprile 1961, andò in disarmo il 21 giugno 1963 e utilizzata come piattaforma galleggiante a Poulmic, venne radiata il 1º giugno 1976 ed ebbe assegnata la matricola Q 554 in attesa della demolizione, avvenuta nel 1979.

Note [modifica]
^ Le navi che l'Italia dovette consegnare in base al trattato di pace nell'imminenza della consegna vennero contraddistinte da una sigla alfanumerica. Le navi destinate all'Unione Sovietica erano contraddistinte da due cifre decimali precedute dalla lettera 'Z': Cesare Z11 Artigliere Z 12, Marea Z 13, Nichelio Z 14, Duca d'Aosta Z15, Animoso Z16, Fortunale Z17, Colombo Z18, Ardimentoso Z19, Fuciliere Z20; le navi consegnate alla Francia erano contraddistinte dalla lettera iniziale del nome seguita da un numero: Oriani O3, Regolo R4, Scipione Africano S7; per le navi consegnate a Yugoslavia e Grecia, la sigla numerica era preceduta rispettivamente dalle lettere 'Y' e 'G': l'Eugenio di Savoia nell'imminenza della consegna alla Grecia ebbe la sigla G2. Stati Uniti e Gran Bretagna rinunciarono integralmente all'aliquota di naviglio loro assegnata, ma ne pretesero la demolizione - Bagnasco, Erminio (1988). La Marina Italiana. Quarant'anni in 250 immagini (1946-1987). supplemento "Rivista Marittima". ISSN: 0035-6984.
^ French 57 mm/60 (2.25") Model 1951
Bibliografia [modifica]
Gino Galuppini, Guida alle navi d'Italia : dal 1861 a oggi, Milano, A. Mondadori, 1982.
Giuseppe Fioravanzo, La Marina Militare nel suo primo secolo di vita 1861-1961, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1961.
Giuseppe Fioravanzo, La Marina dall’8 settembre alla fine del conflitto, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1971.
Raffaele De Courten, Le Memorie dell’Ammiraglio de Courten (1943-1946), Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1993.
Robert Gardiner; Roger Chesneau, All the World Fighting's Ships 1922-1946, Annapolis, MD, Naval Institute Press, 1980. ISBN 978-0-85177-146-5
Reply With Quote
  #40  
Old 10-06-2010, 11:26
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!:
Here is the small history of the Italian light cruiser "Bari".I am going to follow seeking information about the "Bari".

Pedro

Bari (incrociatore)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca




Storia [modifica]
Costruito come Pillau nei cantieri Schicau di Danzica, nel 1914, prese parte alla prima guerra mondiale e alla battaglia dello Jutland. Dopo la fine del conflitto, nel 1920, fu ceduto alla Regia Marina italiana e ribattezzato Bari; inizialmente fu classificato esploratore. Inizialmente era armato con 8 pezzi da 150 mm, 2 da 88 mm, 2 tubi lanciasiluri da 150 mm ed aveva la possibilità di trasportare 120 mine; tra il 1920 ed il 1924 fu sottoposto a grandi lavori di rimodernamento con pesanti modifiche a sovrastrutture e apparato motore, la diminuzione del numero dei fumaioli e la sostituzione dei pezzi da 88 mm con 3 da 76 mm e mitragliere da 13,2 mm [1]. Riclassificato incrociatore leggero, prese parte ad operazioni secondarie durante la seconda guerra mondiale. Il 28 giugno 1943, durante un pesante bombardamento americano su Livorno, fu affondato nel porto; ulteriormente danneggiato all'armistizio, fu poi demolito dai tedeschi[2].

Note [modifica]
^ http://www.marina.difesa.it/storia/a...8/navi0834.asp
^ http://www.trentoincina.it/dbunita.php?unit=Bari
Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Bari_(incrociatore)"
Reply With Quote
  #41  
Old 10-06-2010, 16:57
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Scipio Africanus (cruiser)
From Wikipedia, the free encyclopedia.
Jump to: navigation, search
Scipio Africanus the Cruiser Scipio Africanus overview · Type light cruiser Class Captains Romans Number units {{{drive_number}}} constructors Constructors {{{}}} Yard OTO Livorno Freshman Order Setting 28 September 1939 Launch 12 January 1941 Completing 23 April 1943 entry into service Owner Radiation 1948 final destiny ceded to France highlights Displacement 5035 t tonnage 5420 t Length 142,2 m Width 14.4 m Height m Draught 4.9 m Depth operational m flight deck Steam Propulsion: 4 boilers Thornycroft 4 turbines gear Parsons 2 axes
power: 110.000HP Speed 40 knots Autonomy 4352 miles to 18 knots load capacity number of cabins {{{numero_di_cabine}}} Crew 418 Passengers on-board radar Equipment Sensors: 1 EC 3 defensive artillery Armament Systems OWL to construction: 8 cannons from 135/45 mm
binary installations (4) 8 cannons from 37/54 mm
8 machinegunner 20/65 mm
torpedoes:

8 tubes torpedo tubes from 533mm Armouring only some corazzetta aircraft no Note Motto Nickname The Scipio Africanus was a small and fast Navy light cruiser class Captains Romans. Of 12 units provided for only 3 entered service, taking part in the second World War: Attilio Regulus, Scipio Africanus and Pompeius Magnus. He was named Publius Cornelius Scipio. The Scipio Africanus was the only one to be equipped with radars EC. 3 OWL.
Index [Hide]
1 military Activity 1.1 Armistice 2 Post-war 3 Guichen (d 607) 4 Note 5 Bibliography 6 external links-fighting Activities [edit]
Its construction started in 1939, it came to pass in the shipyard yards OTO Livorno. Launched on January 12, 1941 was delivered on 23 April 1943 and during the period May-July 1943 moored in the port of La Spezia and Genoa.
After the Allied landing in Sicily and saw the evolution of terrestrial operations on the island, in anticipation of an eventual blocking Ally of the Strait of Messina, the unit was entrusted with the mission to force the Messina and reach Taranto. Left moorings on 15 July 1943, the Cruiser, while he was engaged in the difficult mission of staking of the Strait, on July 17 was involved in a clash at night with four motosilurante English including the m.t.b 315 and 316 m.t.b., that clash was hit by Scipione with the fire of his artillery, sinking with all the crew; the Scipio managed to avoid the other motosiluranti due to its speed, damaging seriously another motosilurante English and arriving without damage to Taranto. Probably the fact that the vessel was equipped with radar E.C. 3B OWL, which probably took over for the British motosiluranti, allowed the crew to be prepared to defence.
Between 4 and 17 August the Scipio took some missions of laying of mines in the Gulf of Taranto and off the coast of Calabria, defying aircraft and ships who tried to prevent the evacuation by sea italo-German forces from Sicily.
The Scipio Africanus in navigation
The Scipio Africanus in camouflage coloration

Armistice [edit]
On the evening of 8 September when via radio came the news of the Armistice, the ship was at Taranto, where around 6 o'clock in the morning of 9 September received from Supermarina order reach soon Pescara; similar order received the corvette Scimitar and Bayonet on Toast and Pula. The Scipio arrived shortly after midnight in Pescara, where the Corvette Bayonet to the command of Lieutenant Piero Pedemonti around 21 had embarked the head of Government Badoglio and the Minister of marine De Courten and had continued to Ortona, where around 1.10 of 10 September was crewed by the Royal family, for which the Scipio, reversed the route, around 7 a.m. reached the Corvette Bayonet scortandola up to Brindisi, where the King Vittorio Emanuele III with his entourage came the same day of 10 September around 16, staying in the building of the Maritime military commander Admiral Rubatelli.
The other Corvette, the Scimitar, giunta in Pescara from Brindisi, under the command of Lieutenant Remo Osti, around 7 of 10 September, not finding anyone she steamed about four hours after receiving the order to go surfing in Taranto, where would come around 12 of 11 September.
In Brindisi, as was the landing of the Royal family from, some saw get six hunting that they aimed to strafe on Director of Scipio and Corvette where there was the King Vittorio Emanuele III; the flak of Scipione forced the aircraft to change direction.
On 29 September the Scipio returned to sea to escort the Marshal Badoglio and part of the Government in Malta, where the head of the Italian Government had to sign with General Eisenhower aboard the battleship British Nelson the Armistice along which set out the conditions of surrender imposed upon Italy already contained generically in short Armistice signed on 3 September by General Giuseppe Castellano.
During the cobelligeranza made some travel to Alexandria and Bitter Lakes, where they were interned battleships Italian Vittorio Veneto and Italy.
Post-war [edit]
After the war, on the basis of the Treaty of peace, the Scipio Africanus was among the units that Italy had to make available as reparation for damage of war and on 9 August 1948 was ceded to France by the abbreviation S7. [1]
607 Guichen (d) [edit]
Along with Scipio Africanus also the twin Attilio Regulus was sold to French nationals. The two units in the marine Nationale would constitute Chateaurenault Class. Since 23 July 1948 the ship was ribatezzata Guichen and after delivery was sent to Toulon to undergo modernization that lasted a long time, during which the unit was being refitted with six guns ex-German 105 mm, the same that constituted the anti-aircraft armament cruisers Germans Hipper class, which replaced the cannons 135/45 originate, these guns were a armament lighter than the original but with virtue to be dual weapons having the crucial ability to run an effective shot anti-aircraft. Even the light anti-aircraft armament was increased with 10 cannons from 57 mm [2] in five binary installations.
After the ship entered service team on 9 April 1955 and renumbered destroyers, had assigned the freshman D 607 and became flagship of Escadre Légère de l'Atlantique (Atlantic) based in Brest.
The ship, withdrawn from service on 1 April 1961, she on 21 June 1963 and used as a floating platform to Poulmic, was cancelled on 1 June 1976 and was assigned the freshman Q 554 awaiting demolition in 1979.


Note [edit]
^ Ships that Italy had to deliver in accordance with the Treaty of peace in the run-up to delivery were identified by an acronym alphanumeric. The vessels used by the Soviet Union were identified by two decimal preceded by the letter ' z ': Cesare Z11 Gunner z 12, tide Z 13, Nickel Z 14, Duca D'Aosta Z15, fashion into Z16, violent storm Z17, Colombo Z18, courageous journey Z19, Rifleman Z20; ships delivered to France were identified from the initial letters of the name followed by a number: Oriani O3, Regulus R4, Scipio Africanus S7; for ships delivered to Yugoslavia and Greece, the abbreviation numeric was preceded by the letters ' y ' and ' G ': Eugene of Savoy in the run-up to the handover to Greece had the initials G2. United States and Britain withdrew in full at the rate of ships assigned to them, but they pretended demolition-Bagnasco, Erminio (1988). The Italian Navy. Forty years in 250 images (1946-1987). Supplement "Maritime" Magazine. ISSN 0035-6984.
^ French 57 mm/60 (2.25 ") Model 1951 Bibliography [edit]
Gino Galuppini, guide to the ships of Italy: from 1861 until today, Milan, a. Mondadori, 1982.
Giuseppe Fioravanzo, RN in its first century of life 1861-1961, Rome, Historical Office of RN, 1961.
Giuseppe Fioravanzo, Marina from 8 September to the end of the war, Roma, Historical Office of RN, 1971.
Raffaele De Courten, memories of Admiral de Courten (1943-1946), Rome, Navy Historical Office, 1993.
Robert Gardiner; Roger Chesneau, all the World's Fighting Ships 1922-1946, Annapolis, MD., Naval Institute press, 1980. ISBN 978-0-85177-146-5
Attached Images
File Type: jpg RN SCIPIONE L`AFRICANO-1-1941-1962.jpg (173.0 KB, 51 views)
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #42  
Old 10-06-2010, 18:04
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Dear Terry,hello!:
Very much thanks for your excellent and fine work.Here goes other history about the Italian light cruisers Class Capitani Romani.

Pedro


Classe Capitani Romani (incrociatore)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
Classe Capitani Romani

L'Attilio Regolo, prima unità della classe
Descrizione generale
· ·
Tipo incrociatore leggero
Classe Capitani romani
Numero unità {{{numero_unità}}}
Costruttori {{{costruttori}}}
Cantiere
Matricola
Ordine
Impostazione
Varo
Completamento
Entrata in servizio
Proprietario Regia Marina
Marina Militare
Marine nationale
Radiazione
Destino finale
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 3.745 t
pieno carico 5.334 t
Stazza lorda {{{stazza_lorda}}} t
Lunghezza 142,2 m
Larghezza 14,4 m
Altezza m
Pescaggio 4,9 m
Profondità operativa m
Ponte di volo
Propulsione Vapore:
4 caldaie Thornycroft
4 turbine ad ingranaggi Belluzzo (Ottaviano Augusto e Pompeo Magno Parsons)
2 assi
potenza: 110.000 hp
petrolio: 1.387 t

Velocità 40 nodi (74 km/h)
Autonomia 4.352 n.mi. a 18 nodi (8.060 km a 33,3 km/h)
Capacità di carico
Numero di cabine {{{numero_di_cabine}}}
Equipaggio 418
Passeggeri
Equipaggiamento
Sensori di bordo
Sistemi difensivi
Armamento artiglieria alla costruzione:
8 cannoni da 135/45mm Mod 38 (4 installazioni binate)
8 cannoni da 37/54 mm AA (affusti singoli)
8 mitragliere da 20/65 mm
siluri:

8 tubi lanciasiluri da 533 mm (4 installazioni quadrinate).

Corazzatura solo qualche corazzetta
Mezzi aerei no
Note
Motto
Soprannome

La Capitani Romani fu una classe di incrociatori leggeri della Regia Marina durante la seconda guerra mondiale, in realtà a mezza strada tra la categoria incrociatori e quella dei cacciatorpediniere.

Indice [nascondi]
1 Progetto
1.1 Critiche
2 Servizio
2.1 Dopoguerra
3 Unità
4 Note
5 Bibliografia
6 Voci correlate
7 Collegamenti esterni


Progetto [modifica]
Vennero impostati dal 1939 per far fronte ai cacciatorpediniere classe Mogador e Fantasque della Marine Nationale francese, e pertanto venne richiesto che potessero raggiungere una velocità di 41 nodi (queste classi di cacciatorpediniere francesi potevano raggiungere i 40 nodi); a questo scopo venne installato un apparato propulsivo della potenza di oltre 100.000 hp, che permetteva loro di soddisfare questo requisito, anche per via della finezza dello scafo, circa 10:1. L'apparato motore era costituito da quattro caldaie a tubi d’acqua subverticali il cui vapore alimentava due gruppi di turbine Belluzzo, che scaricava la potenza assi con eliche tripale da 4,20 metri di diametro.

Alla progettazione degli incrociatori della classe "Capitani Romani", lavorarono Umberto Pugliese e Ignazio Alfano, partendo del progetto del Taškent, un esploratore costruito per la Marina sovietica della società Odero-Terni-Orlando nel Cantiere navale OTO di Livorno.

Le artiglierie di prora da 135/45mm dell'incrociatore Scipione AfricanoL'armamento principale consisteva di 8 cannoni da 135/45mm[1][2] in quattro torrette binate che avevano trovato posto anche sulle Duilio ricostruite. Il cannone da 135/45mm, che può essere considerato il miglior cannone navale italiano nella seconda guerra mondiale aveva un'elevazione di 45°, una gittata di 19,6 km e una cadenza di fuoco di 6 tiri al minuto, ed era capace di eseguire tiri assai precisi, ma era tuttavia privo di una soddisfacente capacità antiaerea, se non di sbarramento.

L'armamento antiaereo era costituito da otto mitragliere pesanti Breda 37/54mm[3] particolarmente utili contro gli aerosiluranti e in generale contro i bersagli a bassa quota e altrettante mitragliere da 20/65mm,[4] che si rivelarono ottime armi, di facile uso e manutenzione, che disponevano di una notevole varietà di munizioni (traccianti, traccianti-esplodenti, ultrasensibili, dirompenti) e che furono praticamente usate su tutte le navi della Regia Marina.

L'armamento silurante era costituito da otto tubi lanciasiluri in due installazioni quadruple, mentre mitragliere da 37/54 mm e altrettante da 20/65 mm.

Per poter raggiungere la velocità richiesta dovette però essere sacrificata la corazzatura, solo il ponte (15 mm) e i cannoni (20 mm) erano protetti da una corazzatura antiframmenti.

La loro concezione, era comunque opinabile: realizzati come risposta ad una minaccia che non esisteva più, essi disponevano di un buon armamento offensivo anti-nave e un ottimo armamento difensivo anti-aereo (relativamente alla loro dimensioni), ma la scarsa autonomia, difetto tipico delle navi italiane, non le aiutava né per la difesa della Squadra navale, né per azioni indipendenti e offensive.

La mancanza di corazzature protettive li rendeva poi vulnerabili al fuoco di unità anche leggere, come i cacciatorpediniere nemici, anche se il migliore armamento pesante avrebbe dovuto permetterli di distruggerle. L'azione in cui andò perso il Colleoni nel 1940 era un esempio.

Critiche [modifica]
Anche gli incrociatori leggeri britannici delle classi Arethusa e Dido, con una corazza più spessa sulla cintura e meno sul ponte rispetto alla precedente, erano nemici pericolosi, nonostante la velocità inferiore di circa 10 nodi: avrebbero potuto infliggere danni micidiali con i loro cannoni da 133 e 152mm che difficilmente un Capitani Romani avrebbe potuto sostenere specialmente se fosse stato danneggiato l'apparato propulsivo, eliminando così il loro principale vantaggio.

Inoltre il loro eccezionale apparato propulsivo era estremamente costoso, per una nave con la capacità offensiva di poco maggiore che un grosso cacciatorpediniere.

Servizio [modifica]
Solo tre navi di questa classe furono completate, mentre l'Ulpio Traiano venne affondato, quando era stato completato al 90%, da un sommergibile britannico il 3 gennaio 1943 mentre effettuava le prove. Gli incrociatori Claudio Druso, Claudio Tiberio, Paolo Emilio e Vispanio Agrippa vennero impostati sugli scali, ma la loro costruzione venne sospesa e i loro scafi smantellati.

Le unità che entrarono in servizio furono l'Attilio Regolo, lo Scipione Africano e il Pompeo Magno, entrate in servizio prima dell'armistizio, con qualche missione di combattimento verso Messina da parte del Pompeo Magno, che nella notte del 13 luglio 1943 affondò tre motosiluranti britanniche, mettendone in fuga altre due, e dello Scipione, che nella notte del 16 luglio 1943 attaccato de quattro motosiluranti britanniche affondò la motosilurante britannica MTB-316 e ne danneggiò gravemente un'altra, mettendone in fuga altre due. Dodici marinai britannici persero la vita nello scontro. Lo Scipione Africano fu l'unico ad essere equipaggiato con radar EC.3 Gufo.

Incrociatore Scipione AfricanoL'Attilio Regolo ebbe asportata la prora da un siluro lanciatogli da un sommergibile inglese e sottoposto a riparazioni gli venne applicata la prora del Caio Mario, mentre il Cornelio Silla fornì il suo apparato motore all'Aquila.

All'armistizio, il Caio Mario, l'Ottaviano Augusto, il Cornelio Silla, ancora in costruzione nei cantieri, ed il Giulio Germanico in avanzata fase di allestimento, vennero catturati dai tedeschi.

L'Attilio Regolo durante il trasferimento a Malta secondo quelle che erano le clausole armistiziali, fu tra le unità che soccorse i naufraghi della corazzata Roma dopo l'affondamento trasportandone i sopravvissuti alle Baleari, dove le navi italiane vennero internate dalle autorità franchiste spagnole facendo rientro a Taranto solamente il 23 gennaio 1945.

Lo Scipione venne invece inviato da Taranto a scortare in Adriatico la corvetta Baionetta, dove erano imbarcati il capo del governo Badoglio, il Ministro della Marina De Courten e la famiglia reale, fino a Brindisi, dove il Re Vittorio Emanuele III e il suo seguito vennero sbarcati. Il 29 settembre lo Scipione scortò il Maresciallo Badoglio e parte del governo a Malta, per la firma del cosiddetto armistizio lungo in cui venivano precisate le condizioni di resa imposte all'Italia già contenute genericamente nell'armistizio corto firmato il 3 settembre dal generale Giuseppe Castellano; successivamene durante la cobelligeranza effettuò alcuni viaggi ad Alessandria d'Egitto e ai Laghi Amari, dove erano internate le navi da battaglia italiane Vittorio Veneto e Italia.

Particolarmente tragica fu la vicenda del Giulio Germanico con il suo comandante Domenico Baffigo catturato e fucilato dagli occupanti tedeschi a Napoli l'11 settembre 1943. L'unità cadde in mano ai tedeschi che l'autoaffondarono all'interno del porto di Castellammare di Stabia, il 28 settembre successivo quando furono costretti ad abbandonare la città.

Ottaviano Augusto e Cornelio Silla vennero affondati in un raid aereo rispettivamente il 1º novembre 1943 e nel luglio 1944.

Il Caio Mario, dopo aver ceduto la prua al Regolo, ebbe completato lo scafo per essere utilizzato come nave deposito, nel gennaio 1943. Requisito dai tedeschi in seguito alle vicende armistiziali venne autoaffondato nel 1944 nel porto di La Spezia

Dopoguerra [modifica]
Nel dopoguerra, il Pompeo Magno, (ribattezzato San Giorgio) e il Giulio Germanico (recuperato dal cantiere di Castellammare di Stabia e ribattezzato San Marco) prestarono servizio come cacciatorpediniere con la Marina Militare Italiana riarmati con i 127/38mm americani, meno potenti rispetto ai cannoni da 135/45, ma con la fondamentale capacità di eseguire un efficace tiro contraerei.

Allo stesso modo, l'Attilio Regolo e Scipione Africano, passati alla Francia in conto danni di guerra vennero riarmati nella Marine Nationale con cannoni ex-tedeschi da 105mm, gli stessi che costituivano l'armamento antiaereo degli incrociatori tedeschi Classe Hipper, che erano un armamento più leggero ma, anche in questo caso con la fondamentale caratteristica di essere armi duali. Le due unità cedute alla Francia nel 1948 vennero rispettivamente ribattezzate Chateaurenault e Guichen e riclassificati conduttori di flottiglia.[5]

Lo Chateaurenault ha ricoperto il ruolo di portabandiera della I Flottiglia Escorteurs d'Escadre della Squadra Navale del Mediterraneo di base a Tolone fino al disarmo avvenuto il 1º gennaio 1962, mentre il Guichen svolse gli stessi compiti del gemello nella Escadre Légère de l'Atlantique (Atlantico) di base a Brest e dopo essere stato ritirato dal servizio il 1º aprile 1961, andò in disarmo il 21 giugno 1963.

Unità [modifica]
Regia Marina - Classe Capitani Romani
Nome Nave Cantiere Impostata Varata Completata Fato finale
Attilio Regolo OTO Livorno 28 settembre 1939 28 agosto 1940 14 maggio 1942 Alla Francia nel 1948
Scipione Africano OTO Livorno 28 settembre 1939 12 gennaio 1941 23 aprile 1943 alla Francia nel 1948
Pompeo Magno C.N.R. Ancona 23 settembre 1939 24 agosto 1941 4 giugno 1943 San Giorgio (D 562) nella Marina Militare
Giulio Germanico Navalmeccanica 3 aprile 1939 26 luglio 1941 19 gennaio 1956 San Marco nella Marina Militare
Ulpio Traiano C.N.R. Palermo 28 settembre 1939 30 novembre 1941 Affondato 3 gennaio 1943
Ottaviano Augusto C.N.R. Ancona 23 settembre 1939 28 aprile 1941 Affondato 1 novembre 1943
Caio Mario OTO Livorno settembre 1939 17 agosto 1941 autoaffondato nel 1944 a La Spezia
Cornelio Silla Ansaldo Genova 12 ottobre 1939 28 giugno 1941 Affondato nel luglio 1944
Claudio Druso Riva Trigoso settembre 1939 Smantellato prima del completamento, 1941-1942
Claudio Tiberio OTO Livorno 28 settembre 1939 Smantellato prima del completamento, 1941-1942
Paolo Emilio Ansaldo Genova 12 ottobre 1939 Smantellato prima del completamento, 1941-1942
Vipsano Agrippa Riva Trigoso ottobre 1939 Smantellato prima del completamento, 1941-1942

Note [modifica]
^ Cannoni & Munizioni. URL consultato il 3 febbraio 2008.
^ Italian 135 mm/45 (5.3") Models 1937 and 1938. URL consultato il 19 febbraio 2008.
^ Italian 37 mm/54 (1.5") Models 1932, 1938 and 1939. URL consultato il 19 febbraio 2008.
^ Italian 20 mm/65 Models 1935, 1939 and 1940. URL consultato il 19 febbraio 2008.
^ Le navi che l'Italia dovette consegnare in base al trattato di pace nell'imminenza della consegna vennero contraddistinte da una sigla alfanumerica. Le navi destinate all'Unione Sovietica erano contraddistinte da due cifre decimali precedute dalla lettera 'Z': Cesare Z11 Artigliere Z 12, Marea Z 13, Nichelio Z 14, Duca d'Aosta Z15, Animoso Z16, Fortunale Z17, Colombo Z18, Ardimentoso Z19, Fuciliere Z20; le navi consegnate alla Francia erano contraddistinte dalla lettera iniziale del nome seguita da un numero: Oriani O3, Regolo R4, Scipione Africano S7; per le navi consegnate a Yugoslavia e Grecia, la sigla numerica era preceduta rispettivamente dalle lettere 'Y' e 'G': l'Eugenio di Savoia nell'imminenza della consegna alla Grecia ebbe la sigla G2. Stati Uniti e Gran Bretagna rinunciarono integralmente all'aliquota di naviglio loro assegnata, ma ne pretesero la demolizione - Bagnasco, Erminio (1988). La Marina Italiana. Quarant'anni in 250 immagini (1946-1987). supplemento "Rivista Marittima". ISSN: 0035-6984.
Reply With Quote
  #43  
Old 10-06-2010, 18:18
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Class Captains Romans (cruiser)
From Wikipedia, the free encyclopedia.
Jump to: navigation, search
Class Captains Roman Attilio Regulus, first class overview · · Type light cruiser Class Captains Romans Number units {{{drive_number}}} constructors Constructors {{{}}} Yard Freshman Order Setting Launch Complete commissioning Owner Regia Marina
RN
Marine Nationale Radiation final destiny standard Displacement General characteristics: 3745 t
full load 5334 t tonnage {{{stazza_lorda}}} t Length 142,2 m Width 14.4 m Height m Draught 4.9 m Depth operational m flight deck Steam Propulsion: 4 boilers Thornycroft 4 turbines gear Belluzzo (Octavian Augustus and Pompeius Magnus Parsons) 2 axes
power: 110,000 hp oil: 1387 t Speed 40 knots (74 km/h) Autonomy 4352 no MI. at 18 knots (8060 km to 33.3 km/h) load-capacity number of cabins {{{numero_di_cabine}}} Crew 418 Passenger Equipment Sensors on-board defensive Armament artillery Systems to building: 8 cannons from 135/45 Mod 38 (4 installations, embellished) 8 cannons from 37/54 mm AA gun (individual) 8 machinegunner 20/65 mm torpedoes:
8 533 mm torpedo tubes tubes (4 quadrinate) installations.
Armouring only some corazzetta aircraft no Note Motto Nickname The Captains Romans was a class of light cruisers of the Regia Marina during World War II, in reality, halfway between the category cruisers and destroyers.
Index [Hide]
1 project 1.1 Criticism 2 Service 2.1 Post-war 3 unit 4 Note 5 Bibliography 6 peercasting 7 external links Project [edit]
Since 1939 Were set to face the destroyer Mogador and Fantasque class of the French marine Nationale, and therefore was asked who could reach a speed of 41 knots (these French destroyer classes could reach 40 knots); for this purpose was installed a propulsive power of more than 100,000 HP, which allowed them to meet this requirement to finesse the hull, about 10: 1. The engine consisted of four water tube boilers subverticali whose steam turbines fired two groups, which gave the Belluzzo power spindles with propellers tripale from 4.20 meters in diameter.
Design the class cruisers "Captains Romani", they worked Umberto Pugliese and Ignatius Alfano, starting the project of Tashkent, an Explorer built for the Soviet Navy Odero society-Terni-Orlando in shipyard OTO Livorno.
The artiglierie bow from 135/45 mm Cruiser Scipione AfricanoL ' main armament consisted of 8 cannons from 135/45 mm [1] [2] in four turrets coupled who had settled on Duilio rebuilt. The cannon from 135/45, which can be considered the best Italian naval gun in World War II had an elevation of 45 °, a range of 19.6 km and a shot of 6 shots per minute, and was able to run shots very precise, but was however does not have a satisfactory capacity anti-aircraft barrage, if not.
The anti-aircraft armament consisted of eight heavy gunner/54 mm Breda 37 [3] particularly useful against torpedo planes and in General against targets at low altitude and many machinegunner 20/65 mm, [4] that proved excellent weapons, user-friendly and maintenance, which had a wide range of ammunition (mapping, tracking-explosive, ultra-sensitive, disruptive) and which were practically use on all ships of the Regia Marina.


Armament consisted of eight torpedo biplane tubes in two installations quadruple torpedo tubes, while gunner from 37/54 mm and as many as 20/65 mm.
In order to attain the speed request he be sacrificed the armour, only the bridge (15 mm) and 20 mm cannons () were protected by armour antiframmenti.
Their conception, was still questionable: made in response to a threat that no longer existed, they had a good offensive armament anti-ship and an excellent air anti-defensive armament (relative to their size), but the lack of autonomy, flaw typical Italian ships, not helped either for the defense of naval Team, nor for independent actions and offensive.
The lack of protective armour production then vulnerable to fire units also read, as the destroyer enemies, even if the best heavy armament would allow them to destroy them. The action in which the Colleoni was lost in 1940 was an example.
Criticism [edit]
Even the British light cruisers Arethusa class and Dido, with thicker armour on the belt and less on the bridge over the previous, were dangerous enemies, despite the lower speed of approximately 10 knots: could inflict lethal damage with their cannons from 133 and 152mm that hardly a Captains Romans could support especially if it had been damaged propulsion system, thereby eliminating their main advantage.
Also their exceptional propulsion system was extremely expensive, for a vessel with the offensive of little more than a big destroyers.
Service [edit]
Only three ships of this class were completed, while the Ulpius Traianus was sunk, when it was completed to 90%, a British submarine on 3 January 1943 while maintaining the tests. The cruisers Claudius Drusus, Claudius and Tiberius, Paolo Emilio Vispanio Agrippa airports were set, but their construction was suspended and their hulls dismantled.
The units entered service were the Attilio Regulus, the Scipio Africanus and Pompeius Magnus, entered into service before the Armistice, with some combat mission towards Messina by Pompeius Magnus, who on the night of 13 July 1943 sank three British erode motosiluranti escape other two, and of Scipio, who on the night of 16 July 1943 attacked de four motosiluranti British sank the British MTB-316 motosilurante and severely damaged another erode escape other two. Twelve British sailors killed in the collision. The Scipio Africanus was the only one to be equipped with radars EC. 3 OWL.
Cruiser Scipione AfricanoL ' Attilio Regulus had removed the bow by a torpedo from a submarine lanciatogli English and subjected to repairs, he applied the prow of Caio Mario, while Cornelius Sulla gave his engine Aquila.
The Armistice, the Caio Mario, Octavian Augustus, Cornelius Sulla, still under construction yards, and Giulio Germanicus at an advanced stage of preparation, were captured by the Germans.
The Attilio Regulus during transfer to Malta in accordance with the terms armistiziali, was among the units which rescued the survivors of the battleship Roma after sinking prices and, as the survivors to the Balearic Islands, where the Italian ships were interned by the Spanish authorities franchiste by return to Taranto only on 23 January 1945.
The Scipio was instead sent from Taranto to escort in the Adriatic the Corvette Bayonet, where they had boarded the head of Government Badoglio, the Minister of marine De Courten and the Royal family, up to Brindisi, where King Vittorio Emanuele III and his entourage were landed. On 29 September the Scipio escorted Marshal Badoglio and part of the Government in Malta, for the signing of the so-called Armistice long had specified the conditions of surrender imposed upon Italy already contained generically in short Armistice signed on 3 September by General Giuseppe Castellano; then during the cobelligeranza made some travel to Alexandria and Bitter Lakes, where they were interned battleships Italian Vittorio Veneto and Italy.
Especially tragic was the affair of Giulio Germanic with his commander Dominic Baffigo captured and shot by the German occupiers in Naples on 11 September 1943. The unit fell to the Germans that the autoaffondarono of Castellammare di Stabia, on 28 September following when they were forced to abandon the city.
Octavian Augustus and Cornelius Sulla were sunk in an air raid on 1 November 1943 and July 1944.


The Caio Mario, having sold the bow to the straight edge, he had completed the hull to be used as a depot ship, in January 1943. Requirement after the armistiziali was autoaffondato in 1944 in the port of La Spezia
Post-war [edit]
After the war, Pompeius Magnus, (renamed San Giorgio) and Giulio Germanicus (recovered from Castellammare di Stabia shipyard and renamed San Marco) served as destroyers with the Italian Navy riarmati with 127/38 mm Americans, less powerful than 135/45 guns, but with the crucial ability to run an effective anti-aircraft shot.
Similarly, Attilio Regulus and Scipio Africanus, passed to France in account damage of war were riarmati in marine Nationale with guns ex-German 105 mm, the same that constituted the German armament anti-aircraft cruisers Hipper Class, who were a lighter armament but, again with the fundamental characteristic of being dual weapons. The two units sold to France in 1948 were respectively renamed them Chateaurenault and Guichen and reclassified conductors of flotilla. [5]
The Chateaurenault he served as flagship of The Flotilla Escorteurs of Escadre Naval Mediterranean team based at Toulon until decommissioning took place on 1 January 1962, while the Guichen played the same tasks of twin in Escadre Légère de l'Atlantique (Atlantic) based in Brest and after being withdrawn from service on 1 April 1961, she on 21 June 1963.
Drive [edit]
Regia Marina-Class Captains Romans Name Ship Yard Set Launched Completed final Fate OTO Livorno Attilio Regulus 28 September 1939 28 August 1940 14 May 1942 to France in 1948 Scipio Africanus OTO Livorno 28 September 1939 12 January 1941 23 April 1943 to France in 1948 Pompeius Magnus c.n.r. Ancona 23 September 1939 24 August 1941 4 June 1943 San Giorgio (d 562) in RN Giulio Germanic maritime engineering 3 April 1939 26 July 1941 19 January 1956 San Marco in RN Ulpius Traianus c.n.r. Palermo 28 September 1939 30 November 1941 Sunk 3 January 1943 Octavian Augustus c.n.r. Ancona 23 September 1939 28 April 1941 Sunk 1 November 1943 Caio Mario OTO Livorno September 1939 17 August 1941 autoaffondato in 1944 in La Spezia Cornelius Sulla Ansaldo Genova 12 October 1939 28 June 1941 Sunk in July 1944 Claudius Drusus Riva trigoso September 1939 Dismantled prior to completion, 1941-1942 Claudio Tiberius OTO Livorno 28 September 1939 Dismantled prior to completion, 1941-1942 Paolo Emilio Ansaldo Genova 12 October 1939 Dismantled prior to completion, 1941-1942 Vipsano Agrippa Riva trigoso October 1939 Dismantled prior to completion, 1941-1942 Note [edit]
^ Guns & ammo. URL consulted on February 3, 2008.
^ Italian 135 mm/45 (5.3 ") Models 1937 and 1938. URL consulted on February 19, 2008.
^ Italian 37 mm/54 (1.5 ") Models 1932, 1938 and 1939. URL consulted on February 19, 2008.
^ Italian 20 mm/65 Models 1935, 1939 and 1940. URL consulted on February 19, 2008.
^ Ships that Italy had to deliver in accordance with the Treaty of peace in the run-up to delivery were identified by an acronym alphanumeric. The vessels used by the Soviet Union were identified by two decimal preceded by the letter ' z ': Cesare Z11 Gunner z 12, tide Z 13, Nickel Z 14, Duca D'Aosta Z15, fashion into Z16, violent storm Z17, Colombo Z18, courageous journey Z19, Rifleman Z20; ships delivered to France were identified from the initial letters of the name followed by a number: Oriani O3, Regulus R4, Scipio Africanus S7; for ships delivered to Yugoslavia and Greece, the abbreviation numeric was preceded by the letters ' y ' and ' G ': Eugene of Savoy in the run-up to the handover to Greece had the initials G2. United States and Britain withdrew in full at the rate of ships assigned to them, but they pretended demolition-Bagnasco, Erminio (1988). The Italian Navy. Forty years in 250 images (1946-1987). Supplement "Maritime" Magazine. ISSN 0035-6984
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #44  
Old 10-06-2010, 18:29
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!:
Much thanks!.Here goes other history: Italian light cruiser "Pompeo Magno".

Pedro


Pompeo Magno (incrociatore)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
Pompeo Magno

Incrociatore Pompeo Magno
Descrizione generale
·
Tipo incrociatore leggero
Classe Capitani romani
Numero unità {{{numero_unità}}}
Costruttori {{{costruttori}}}
Cantiere Cantieri Navali Riuniti di Ancona
Matricola
Ordine
Impostazione 3 settembre 1939
Varo 24 agosto 1941
Completamento 4 giugno 1943
Entrata in servizio
Proprietario
Radiazione 1950
Destino finale Ricostruito come San Giorgio tra il 1950 e il 1955
Caratteristiche generali
Dislocamento normale: 5.035t
a pieno carico: 5.420 t
Stazza lorda {{{stazza_lorda}}} t
Lunghezza 142,2 m
Larghezza 14,4 m
Altezza m
Pescaggio 4,9 m
Profondità operativa m
Ponte di volo
Propulsione

4 caldaie Thornycroft
4 turbine ad ingranaggi Parsons
2 assi
potenza: 110.000 hp

Velocità 40 nodi
Autonomia 4.352 n.mi. a 18 nodi (8.060 km a 33,3 km/h)
Capacità di carico
Numero di cabine {{{numero_di_cabine}}}
Equipaggio 418
Passeggeri
Equipaggiamento
Sensori di bordo
Sistemi difensivi
Armamento Alla costruzione:
8 cannoni da 135/45 mm (4 installazioni binate)
8 cannoni da 37/54 mm (affusti singoli)
8 mitragliere da 20/65 mm (4 installazioni binate)
siluri

8 tubi lanciasiluri da 533 mm (2 installazioni quadruple)

Corazzatura solo qualche corazzetta
Mezzi aerei
Note
Motto
Soprannome

L'incrociatore leggero della Regia Marina Pompeo Magno faceva parte della classe Capitani romani, composta da 12 unità costruite nel corso della seconda guerra mondiale, che sebbene classificate e impostate come incrociatori leggeri erano, in realtà, delle navi a mezza strada tra gli incrociatori e i cacciatorpediniere.

Indice [nascondi]
1 Nome
2 Servizio
3 La ricostruzione
4 Immagini
5 Collegamenti esterni


Nome [modifica]
La nave era intitolata al generale e politico romano Gneo Pompeo Magno (in latino: Gneus Pompeus Magnus) prima alleato e poi avversario di Gaio Giulio Cesare.

Servizio [modifica]
Il Pompeo Magno fu una delle poche unità di questa classe a entrare in servizio attivo nella Regia Marina prima dell'armistizio.

La sua costruzione avvenne nei Cantieri Navali Riuniti di Ancona dove il suo scafo venne impostato il 3 settembre 1939. Varato il 24 agosto 1941 e completato il 4 giugno 1943 entrò in servizio il 24 giugno successivo. Asseganto alla base di Taranto svolse alcune missioni di posa di mine.

L'unica azione bellica rilevante si è verificata nella notte tra il 12 e il 13 luglio del 1943, quando intercettate cinque motosiluranti britannche, ne distrugge due in rapida successione, mentre una terza gravemente danneggiata affondò poco dopo, e le altre due vennero messe in fuga.

All'armistizio dell'8 settembre fece rotta su Malta insieme alle Duilio e al Cadorna. Il gruppo, guidato dall'ammiraglio Da Zara, venne raggiunto dal gruppo proveniente da La Spezia, il cui comando dopo il tragico affondamento della corazzata Roma era stato assunto dall'ammiraglio Oliva.

Dopo la guerra fu tra le unità che in base alle clausole del trattato di pace vennero lasciate all'Italia.

La ricostruzione [modifica]
Per approfondire, vedi la voce San Giorgio (D 562).

Nel 1950, venne messo in disarmo per essere sottoposto a lavori di ricostruzione come cacciatorpediniere e, ribattezzato San Giorgio, al termine dei lavori nel 1955 è rientrato in servizio svolgendo nella Marina Militare Italiana attività di squadra.

Sottoposto nuovamente a lavori di modifica dal 1963 al 1965, il San Giorgio venne trasformato in nave scuola per gli allievi dell'Accademia Navale di Livorno, alternando crociere addestrative ad una ridotta attività di squadra, prestando servizio fino al 1980, anno in cui venne posto in disarmo.

Immagini [modifica]
Il Pompeo Magno in navigazione di guerra con la colorazione mimetica
La nave durante i lavori di trasformazione negli anni cinquanta
Reply With Quote
  #45  
Old 10-06-2010, 18:54
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Pompeo Magno (cruiser)
From Wikipedia, the free encyclopedia.
Jump to: navigation, search
Pompeo Magno Cruiser Pompeius Magnus overview · Type light cruiser Class Captains Romans Number units {{{drive_number}}} constructors Constructors {{{}}} Yard shipyards reunited Ancona Freshman Order Setting 3 September 1939 Launch 24 August 1941 Completion 4 June 1943, entry into service Owner Radiation 1950 final destiny reconstructed as San Giorgio between 1950 and 1955 general features normal Displacement: 035t 5.
fully loaded: 5420 t tonnage {{{stazza_lorda}}} t Length 142,2 m Width 14.4 m Height m Draught 4.9 m Depth operational m Propulsion flight deck 4 boilers Thornycroft 4 turbines gear Parsons 2 axes
power: 110,000 hp Speed 40 knots Autonomy 4352 no MI. at 18 knots (8060 km to 33.3 km/h) load-capacity number of cabins {{{numero_di_cabine}}} Crew 418 Passenger Equipment Sensors on-board defensive Armament to building Systems: 8 cannons from 135/45 mm (4 installations embellished) 8 cannons from 37/54 mm (individual) 8 gunner gun carriages from 20/65 mm (4 installations embellished) torpedoes
8 533 mm torpedo tubes tubes (2 installations quadruple) Armouring only some corazzetta aircraft Note Motto Nickname The Navy light cruiser Pompeius Magnus was part of the class Captains Romans, composed of 12 units built during World War II, although classified and set as light cruisers were, in fact, ships halfway between the cruisers and destroyers.
Index [Hide]
1 Name 2 service 3 reconstruction 4 Images 5 Links external Name [edit]
The ship was named after the Roman politician and General Gnaeus Pompeius Magnus (in Latin: Gneus Pompeus Magnus) first ally and then opponent of Gaius Julius Caesar.
Service [edit]
The Pompeius Magnus was one of the few units of this class to enter active service in the Navy before the Armistice.
Its construction took place in the shipyards reunited Ancona where her hull was set on 3 September 1939. Launched on 24 August 1941 and completed on 4 June 1943 entered service on 24 June following. Asseganto at the base of Taranto played some missions of laying of mines.
The only relevant warfare occurred on the night of 12 and 13 July 1943, when intercepted five motosiluranti britannche, destroys two in quick succession, while a third severely damaged sank shortly after, and the other two were put to flight.
The Armistice of 8 September onwards on Malta together with Duilio and Cadorna. The group, led by Admiral from Zadar, was reached by the group from La Spezia, whose command after the tragic sinking of the battleship Roma had been hired by Admiral Olive.
After the war was between the units under terms of the Treaty of peace were left to Italy.
Reconstruction [edit]


The Pompeo Magno was in 1950 begun to be reconstructed as a large destroyer and renamed San Giorgio (D 562).
On completion of the work in 1955 returned to service in the Italian Navy team activities.
Subject to modifications from 1963 to 1965, the San Giorgio was also turned into a training ship for the students of the Naval Academy in Livorno, alternating cruises addestrative to a reduced activity of team, serving until 1980, when it was placed in disarmament.

Below is a rare photograph of her towards the end of her reconstruction as the San Giorgio....
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #46  
Old 11-06-2010, 10:55
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!:
Much thanks for the excellent translation to English and by your photo of the light cruiser "Pompeo Magno".

Pedro
Reply With Quote
  #47  
Old 11-06-2010, 11:03
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!.
Other history,here goes the history of the Italian light cruiser Capitani Romani Class "Giulio Germanico" after the War (I believe,my Italian is bad)renamed "San Marco".





San Marco (D 563)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giulio Germanico (incrociatore))
Vai a: Navigazione, cerca
San Marco, ex-Giulio Germanico

San Giorgio
Descrizione generale

Tipo caccia conduttore
Classe San Giorgio
Numero unità {{{numero_unità}}}
Costruttori {{{costruttori}}}
Cantiere Navalmeccanica di Castellammare di Stabia
Matricola D 563
Ordine
Impostazione 3 aprile 1939
Varo 26 luglio 1941
Completamento 1956
Entrata in servizio
Proprietario Marina Militare Italiana
Radiazione 1971
Destino finale
Caratteristiche generali
Dislocamento normale: 4.850 t
a pieno carico: 5.600 t
Stazza lorda {{{stazza_lorda}}} t
Lunghezza 142,2 m
Larghezza 14,4 m
Altezza m
Pescaggio 5,1 m
Profondità operativa m
Ponte di volo
Propulsione 4 caldaie Thornycroft
4 turbine ad ingranaggi Parsons
2 assi
Potenza: 110.000 hp

Velocità 39 nodi
Autonomia 4.060 miglia a 16 nodi
Capacità di carico
Numero di cabine {{{numero_di_cabine}}}
Equipaggio 314
Passeggeri
Equipaggiamento
Sensori di bordo Radar:
SPS-6
SG-6B
Sonar: SQS-11

Sistemi difensivi
Armamento artiglieria:
6 cannoni da 127/38 mm
2 cannoni da 40/56mm
8 mitragliere da 20/65 mm
1 lanciabas
1 lanciabombe
1 scaricabombe

Corazzatura
Mezzi aerei
Note
Motto
Soprannome

Il San Marco D 563 è stato un cacciatorpediniere della Marina Militare Italiana che ha costituito, insieme al gemello San Giorgio, la classe San Giorgio. Entrambe le unità furono ottenute dalla ricostruzione di precedenti incrociatori leggeri della Regia Marina della classe Capitani Romani costruiti all'inizio della seconda guerra mondiale. Era previsto che la classe fosse composta da 12 unità, ma solo 3 entrarono in servizio, prendendo parte al conflitto: Attilio Regolo, Scipione Africano e Pompeo Magno. Le altre navi non vennero mai completate ed alcune di esse neanche furono varate.

Indice [nascondi]
1 Giulio Germanico
2 Ricostruzione
3 Nome
4 Note
5 Voci correlate
6 Collegamenti esterni


Giulio Germanico [modifica]
Per approfondire, vedi la voce Domenico Baffigo.

La costruzione dell'unità, battezzata Giulio Germanico in onore del generale romano della dinastia giulio-claudia, era iniziata il 3 aprile 1939 negli stabilimenti della Navalmeccanica di Castellammare di Stabia e la nave, varata il 26 luglio 1941 stava ultimando il suo allestimento quando venne siglato l'armistizio.

Il Giulio Germanico in allestimentoLa nave, l'8 settembre 1943 era praticamente pronta a Castellammare di Stabia, con l'equipaggio già a bordo. Il capitano di corvetta Domenico Baffigo, era stato designato al comando dell'unità nell'aprile del 1941, assistendone al varo, avvenuto il 26 luglio dello stesso anno, e curandone tutte le fasi dell'allestimento.

Tra le vicende che seguirono l'armistizio quella del Giulio Germanico fu particolarmente tragica. Gli ormai ex-alleati tedeschi appresa la notizia della proclamazione dell'armistizio reagirono immediatamente attuando l'Operazione Achse (asse), ovvero l'occupazione militare di tutta la *****ola italiana.

All'arrivo a Castellammare di Stabia delle forze tedesche che tentavano di occupare il porto ed il cantiere navale, dove c'erano altre unità in avanzato stato di costruzione che costituivano un prezioso bottino per i tedeschi, Domenico Baffigo assunse la difesa del cantiere ed i marinai e i carabinieri accorsi in difesa delle strutture portuali respinsero tutti gli attacchi. Dopo tre giorni di furiosi combattimenti, il comandante del Germanico fu invitato per una trattativa, ma venne invece catturato e fucilato dagli occupanti a Napoli l'11 settembre. L'unità cadde in mano ai tedeschi che l'autoaffondarono all'interno del porto di Castellammare di Stabia, il 28 settembre 1943 quando furono costretti ad abbandonare la città, mentre il comandante Domenico Baffigo, il cui corpo non venne mai ritrovato, sarebbe stato successivamente decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria[1]

Ricostruzione [modifica]
Nel dopoguerra il Giulio Germanico venne recuperato dai cantieri di Castellammare di Stabia e a partire dal 1950, venne ricostruito come cacciatorpediniere.

L'armamento fu lo stesso del San Giorgio, con gli 8 cannoni da 135mm rimossi e sostituiti con 6 cannoni da 127/38mm statunitensi in 3 torri binate e un lanciabas al posto della seconda torre di prora, mentre l'armamento antiaereo era costituito da 2 cannoni da 40/56mm in due complessi singoli e 8 mitragliere da 20/65mm in 4 impianti binati. Il fuoco era controllato da una centrale di tiro US Mk 37 con radar Mk 25. Altri apparati elettronici furono i radar SPS-6 e SG-6B e un sonar SQS-11.

Il San Marco affiancato all'Indomito Il San Marco alla fonda

Al termine della ricostruzione venne ribattezzato San Marco, entrando in servizio come caccia conduttore nella Marina Militare Italiana all'inizio del 1956 con la matricola D 563.

Con la velocità massima di 39 nodi San Marco e San Giorgio sono state le navi più veloce della Marina Militare Italiana, grazie ad un apparato propulsivo dalla potenza di 110000 HP, più del 50% in più rispetto agli incrociatori lanciamissili Vittorio Veneto, Andrea Doria e Caio Duilio.

Nel 1957 le due navi effettuarono una crociera di addestramento negli Stati Uniti, partendo da Napoli 19 maggio e facendo rientro a La Spezia il 10 luglio

La due unità furono operative nella base di Taranto e Nave San Giotgio ha anche ricoperto il ruolo di ammiraglia della II Divisione, mentre nel breve periodo tra il disarmo del Duca degli Abruzzi e l'entrata in squadra del Garibaldi Nave San Marco è stata sede del Comando in Capo delle Squadre navale.

Il San Marco è stato messo in disarmo nel 1971.

Nome [modifica]
In precedenza due unità della Regia Marina aveva portato il nome San Marco. La prima era un'unità lacustre ricevuta dall'Austria come risarcimento per danni di guerra nel 1866 dopo la terza guerra di indipendenza, che aveva prestato servizio con il nome Franz Joseph nella flottiglia del Lago di Garda. La seconda unità era un incrociatore corazzato del 1908 della Classe San Giorgio che, sopravvissuto sino alla seconda guerra mondiale, nel 1941 venne convertito in bersaglio mobile radiocomandato controllato dal cacciatorpediniere Audace. In seguito alle vicende armistiziali il 9 settembre 1943 venne catturato dai tedeschi nel porto della Spezia e nello stesso mese venne affondato per prevenirne la cattura da parte degli Alleati.

Attualmente nella Marina Militare Italiana a portare il nome San Marco è una nave d'assalto anfibio, entrata in servizio alla fine degli anni ottanta appartenente alla Classe San Giorgio.

Fatta eccezione per l'unità lacustre del 1866, le successive navi militari italiane di nome San Marco, compresa quella attualmente in servizio, hanno avuto un'unità gemella di nome San Giorgio.


Note [modifica]
^ La motivazione della Medaglia d'Oro al Valor Militare al comandante Domenico Baffigo sul sito della Marina Militare Italiana
Reply With Quote
  #48  
Old 11-06-2010, 17:04
astraltrader's Avatar
astraltrader astraltrader is offline
Forum Moderator
 
Join Date: Jan 2008
Location: Exeter/Devon.
Posts: 13,254
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

San Marco (D 563)
From Wikipedia, the free encyclopedia.
(Redirected from Giulio Germanicus (cruiser))
Jump to: navigation, search
San Marco, ex-Giulio Germanic San Giorgio Description general Type hunting conductor Class San Giorgio Number units {{{drive_number}}} constructors Constructors {{{}}} Yard maritime engineering of Castellammare di Stabia Freshman D 563 Order Setting 3 April 1939 Launch 26 July 1941 Completion 1956 commissioning Owner Italian Navy Radiation 1971 final destiny General Characteristics: 4850 t Displacement normal
fully loaded: 5,600 tonnes gross tonnage {{{stazza_lorda}}} t Length 142,2 m Width 14.4 m Height m Draught 5.1 m Depth operational m Propulsion flight deck 4 boilers Thornycroft 4 turbines gear Parsons 2 axes
Power: 110,000 hp Speed 39 knots Autonomy 4060 miles 16-node load capacity number of cabins {{{numero_di_cabine}}} Crew 314 Passenger Equipment on-board Radar Sensors: SPS-6 SG-6B
Sonar: SQS-11 defensive artillery Armament Systems: 6 guns from 127/38 mm 2 guns 40/56 mm 8 machinegunner 20/65 mm 1 lanciabas 1 grenade launchers 1 scaricabombe Armouring aircraft Note Motto Nickname The San Marco D 563 was an Italian Navy destroyer which was, along with the twin San Giorgio, San Giorgio. Both units were obtained from reconstruction of past light cruisers Navy class Captains Romans built at the beginning of the second world war. It was intended that the class was composed of 12 units, but only 3 entered service, taking part in the conflict: Attilio Regulus, Scipio Africanus and Pompeius Magnus. Other ships were never completed and some of them either were launched.
Index [Hide]
1 Giulio Germanic 2 Reconstruction 3 Name 4 Note 5 peercasting 6 Euhemerus Giulio Germanic [edit]
Main article: Domenico Baffigo.
The construction of the unit, named the Julius Germanicus in honor of Roman General Julio-Claudian dynasty, was initiated on 3 April 1939 in maritime engineering of Castellammare di Stabia and the ship, launched on 26 July 1941 was finalizing its construction when the armistice was signed.
Jules Germanic in allestimentoLa ship on 8 September 1943 was practically ready at Castellammare di Stabia, with the crew already on board. The captain of Corvette Domenico Baffigo, was appointed to the command of the unit in April 1941, make the launch on 26 July of that year, and the closest attention to all stages of construction.
Among the events that followed the Armistice that of Giulio Germanicus was particularly tragic. The now ex-German allies learned the news of the proclamation of the Armistice retaliated by immediately implementing the operation Achse (axis), which is the military occupation of the whole ***** ola italiana.
Upon arrival at Castellammare di Stabia German forces that tried to occupy the port and shipyard, where there were other units in advanced state of construction which constituted a valuable booty for the Germans, Domenico Baffigo took over the defence of the yard and the sailors and carabinieri flocked in defense of the port facilities refused all attacks. After three days of furious, the Commander of Germanicus was invited for a negotiation, but was instead captured and shot by occupants in Naples on 11 September. The unit fell to the Germans that the autoaffondarono of Castellammare di Stabia, on 28 September 1943 when they were forced to abandon the city, while the Commander Dominic Baffigo, whose body was never found, it would have been subsequently decorated Gold Medal of military valour to memory [1]
Reconstruction [edit]
Abandonned Giulio Germanicus was recovered by shipyards of Castellammare di Stabia and since 1950, it was rebuilt as destroyers.
The armament was the same as that of San Giorgio, with 135 8 guns removed and replaced with 6 guns from 127/38 mm us coupled 3 towers and a lanciabas in place of the second bow Tower, while the anti-aircraft armament consisted of 2 guns 40/56 mm in two complex individual and 8 machinegunner 20/65 mm in 4 binary installations. The fire was controlled by a central shot US Mk 37 with radar Mk 25. Other electronics were the radar SPS-6 and SG-6B and a sonar SQS-11.
The San Marco joined the Indomitable The San Marco at anchor.


After the rebuild was renamed San Marco, entering into service as hunting conductor in the Italian Navy at the start of 1956 with the freshman D 563.
With speeds up to 39 knots San Marco and San Giorgio were the fastest ships of the Italian Navy, thanks to a propulsive apparatus by the power of 110,000 HP, more than 50% more than the cruisers launchers Vittorio Veneto, Andrea Doria and Caio Duilio.
In 1957 the two ships carried out a training cruise in the United States, starting from Naples 19 May and then return to La Spezia on 10 July
The two units were operational in Taranto and Ship San Giotgio has also served as flagship of the 2nd Division, while in the short period between disarmament del Duca degli Abruzzi and entry into team of Garibaldi Ship San Marco was seat of the Command in Chief of the naval Teams.
The San Marco was scrapped in 1971.
Name [edit]
Previously two units of the Regia Marina had brought the name San Marco. The first was a unit lacustre received by Austria as compensation for war damage in 1866 after the third war of independence, who had served under the name Franz Joseph in flotilla of Lake Garda. The second unit was an armored Cruiser, 1908 class San Giorgio which survived until the World War II in 1941 was converted into target mobile radio-controlled by the destroyers daring. Later episodes armistiziali on 9 September 1943, he was captured by the Germans in the port of La Spezia and in the same month was scuttled to prevent capture by the allies.
Currently in the Italian Navy in San Marco is an amphibious assault ship, entry into service in the late 1980s caste San Giorgio.
Except for the Lake of 1866, subsequent Italian military ships named San Marco, including one currently in service, have had a sister named San Giorgio.

Note [edit]
^ The motivation of the gold medal for military valour to Commander Dominic Baffigo on the site of the Italian Navy
Attached Images
File Type: jpg RN GIULIO GERMANICO-1-1942-1943-42TB.jpg (235.4 KB, 36 views)
__________________
Best wishes,
Terry/Exeter. UK



HMS BADSWORTH [HUNT CLASS DESTROYER]
Reply With Quote
  #49  
Old 12-06-2010, 10:42
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!:
Very much thanks for your excellent work!

Pedro
Reply With Quote
  #50  
Old 12-06-2010, 10:54
Pedro Ruíz Pedro Ruíz is offline
Sub-Lieutenant
 
Join Date: Mar 2010
Posts: 100
Default Re: Italian Light Cruisers: 1939-45

Terry hello!:
Very much thanks for your excellent work!

Pedro
Reply With Quote
Reply



Ship Search by Name : Advanced Search
Random Timeline Entry : 18th January 1940 : HMS Javelin : Diverted to join Convoy ON.21 to Norway

Currently Active Users Viewing This Thread: 1 (0 members and 1 guests)
 
Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump

Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
Italian Pre-1945 Cruisers MMM Photo Galleries 94 07-07-2017 06:21
Charge of the Light Brigade Pt. 2 qprdave Crimean War 9 14-02-2013 15:32
Real Communicators do it with flags & light siggy63 Introductions 1 12-09-2009 13:59
Navigation Light Locations please ivorthediver Other Naval Topics 78 28-02-2009 20:53
Charge of the Light Brigade kc Military Art 0 27-11-2007 23:02


All times are GMT. The time now is 08:21.


Powered by vBulletin® Version 3.6.7
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.